Mourinho: “Non abbiamo la forza per andare a prendere giocatori in Premier”

TOKYO (GIAPPONE) – “Non abbiamo la forza di andare a prendere giocatori in Premier”. Così José Mourinho parla del calciomercato della Roma alla vigilia della sfida contro il Nagoya Grampus, prima delle due amichevoli (la seconda sarà contro gli Yokohama Marinos) previste dalla tournée giapponese dei giallorossi. Eppure dal campionato inglese sono sbarcati a Trigoria prima Abraham e poi Matic: “Tammy era un giocatore che voleva mettersi in mostra – ha spiegato lo ‘Special One’. Matic ha 34 anni ed ha giocato nei migliori club, è tornato a giocare con me per portare esperienza”.

Tokyo si tinge di giallorosso: ecco le immagini di Casa Roma

Guarda la gallery

Tokyo si tinge di giallorosso: ecco le immagini di Casa Roma

Infermeria da svuotare

Più che aspettare rinforzi a gennaio (già preso Solbakken) il tecnico portoghese spera di recuperare i tanti calciatori in infermeria: “Abbiamo giocatori importanti infortunati, è importante recuperarli. Non è un dramma ma sul lungo periodo gli effetti si sentono. Il secondo obiettivo poi è dare riposo a chi ha giocato 3 partite a settimana. Dopo il Giappone avranno 10 giorni che sono importanti”. Così sul doppio test in terra nipponica: “I Marinos sono campioni, hanno più qualità e fantasia in avanti ma anche il il Nagoya è organizzato. Mi aspetto partite dure, mi mancano giocatori e il jet-lag non aiuta”.

La Roma è arrivata in Giappone: Mourinho filma tutto

Guarda il video

La Roma è arrivata in Giappone: Mourinho filma tutto

L’impresa del Giappone

A Mourinho è stato chiesto ovviamente un parere sull’impresa del Giappone, che ai Mondiali in Qatar ha debuttato superando inaspettatamente la Germania: “Non ho visto la partita, ero a letto – ha confessato il tecnico della Roma -, la televisione era accesa ma mi sono addormentato, ero distrutto. Complimenti al Giappone, ma non è una sorpresa così grande, è una buona squadra che sta crescendo. Ho allenato giocatori asiatici e sono fortunato perché ho allenato i migliori, hanno la giusta mentalità. Un giocatore giapponese alla Roma? Se costa poco – ha scherzato Mourinho –. Io Ct del Giappone? “Nel calcio mai dire mai, ma non penso che la nazionale giapponese abbia bisogno di me, ha allenatori di un certo livello”.

Mourinho si diverte in Giappone: che palleggi in hotel!

Guarda il video

Mourinho si diverte in Giappone: che palleggi in hotel!

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Diretta Svizzera-Camerun ore 11: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni Successivo La Cina e il suo Pelé sono spariti

Lascia un commento