Mourinho in finale di Carabao Cup! Il Tottenham sveglia il Brentford dal sogno

LONDRA (Inghilterra) – Si interrompe in semifinale la favola del Brentford, che si arrende 2-0 al Tottenham di José Mourinho. Il portoghese il prossimo 25 aprile (e non più il 28 febbraio) avrà così l’opportunità di vincere la quinta coppa di Lega della sua carriera, dopo le tre con il Chelsea e una con il Manchester United, nella finale contro la vincente del derby di Manchester in programma domani. A decidere l’incontro sono le reti di Moussa Sissoko ed Heung-Min Son, una per tempo. La prima al 12′, con un colpo di testa senza nemmeno dover staccare da terra del francese. Decisivo in questo caso un assist delizioso di Reguilon, che si fa perdonare in parte il “tradimento” al manager portoghese. Pensando che fosse solo a casa la notte di Natale,  infatti, lo Special One aveva regalato un maialino al suo giocatore, che però si era già organizzato per festeggiare insieme a 17 persone (compresi Lamela e Lo Celso), venendo poi scoperto dal club.

Il tabellino di Tottenham-Brentford

Tottenham in finale di Carabao Cup

Il secondo gol, al 70′, porta invece la firma di Son, che con uno dei suoi soliti inserimenti e una precisa conclusione di destro ha di fatto spento il sogno del Brentford, capace di eliminare ben quattro squadre di Premier League (Southampton, West Bromwich Albion, Fulham e Newcastle) per arrivare fino alla semifinale, l’appuntamento più importante dei suoi 132 anni di storia. La squadra di Championship, costruita con “metodo matematico” in stile Moneyball, ha lottato alla pari con gli Spurs e sull’1-0 era riuscito anche a trovare il pareggio con Toney al 64′. La rete però è stata successivamente annullata dal Var, introdotto nella competizione proprio a partire da questa gara. Sempre la tecnologia ha poi comportato anche un’espulsione nel finale per Dasilva (brutto intervento su Hoejbjerg), che ha fatto chiudere in 10 la gara al Brentford.

Mourinho: "La festa di Lamela, Lo Celso e Reguilon? Sono deluso"

Guarda il video

Mourinho: “La festa di Lamela, Lo Celso e Reguilon? Sono deluso”

Precedente Radu nella storia della Lazio: "Contro la Fiorentina saremo con il sangue agli occhi" Successivo Albania, Moriero e Miccoli alla guida della Dinamo Tirana

Lascia un commento