Mourinho il tecnologico. La sfida con la Juve si prepara anche con i droni

Il tecnico giallorosso si affida a uno staff rinnovato: “Sì ma ci stiamo allenando, non è un gioco!”

Non avevamo dubbi, ma José Mourinho ci ha tenuto a specificarlo utilizzando i social. “E’ calcio, è allenamento, è lavoro: non ci stiamo divertendo”. Perché la precisazione, accompagnata da foto esplicative? Perché nell’allenamento di oggi l’allenatore portoghese ha utilizzato i droni per studiare e preparare il miglior posizionamento della Roma, in vista della delicata sfida di domenica prossima contro la Juventus.

Al passo

—  

Naturalmente, lo Special One non è il primo a usare le nuove tecnologie applicate al calcio però, curiosamente, su di lui aleggia una sorta di patina leggendaria che lo vorrebbe allenatore non al passo coi tempi dal punto di vista delle metodologie. Niente di più sbagliato. Innanzitutto, rispetto al passato il suo staff è cambiato in profondità, innervato com’è anche da collaboratori giovani. E poi c’è da sottolineare come Mourinho sia sempre tenuto aggiornato. Non dimentichiamo, tra l’altro, che la Premier League – che ha rappresentato una sorta di giardino di casa per il portoghese – è frequentata da allenatori di tutte le nazionalità e di tutte le culture calcistiche. Quanto basta per essere virtualmente obbligati a mantenersi sempre al passo coi tempi. Proprio come riesce a fare anche qui in Italia con la Roma.

Precedente Infortunio Abraham: Mourinho in ansia per Juve-Roma Successivo Svizzera, comodo poker in Lituania e Italia raggiunta. Ma restiamo davanti noi

Lascia un commento