Mourinho e la profezia sull’Arsenal: cosa aveva detto tre anni fa

LONDRA (INGHILTERRA) – Prosegue senza sosta l’incredibile stagione dell’Arsenal. Con la vittoria maturata nel ‘North London Derby‘ contro il Tottenham di Antonio Conte, i ‘Gunners‘ di Mikel Arteta volano in Premier League: sono ora 8 i punti di vantaggio di Odegaard e compagni sul Manchester City di Pep Guardiola, sconfitto sabato nel derby di Manchester contro lo United. Una prima parte di stagione da sogno per l’Arsenal, sul quale in pochi avrebbero scommesso un pound. Tutti tranne José Mourinho.

Guardiola e i suoi fratelli: la top 15 degli allenatori più 'spendaccioni' dell'ultimo decennio

Guarda la gallery

Guardiola e i suoi fratelli: la top 15 degli allenatori più ‘spendaccioni’ dell’ultimo decennio

Mourinho e la frase profetica sull’Arsenal

Nel dicembre 2020 i Gunners vivacchiavano appena sopra la zona retrocessione. In quella stagione il Tottenham era primo in classifica, guidato dall’attuale tecnico della Roma. Lo ‘Special One‘, che ha sempre elogiato Arteta per il tipo di gioco che propone, aveva predetto che lo spagnolo avrebbe riportato i ‘Gunners‘ ai vertici della Premier League. Voglio congratularmi con Arteta perché ci ha reso la vita molto difficile“, dichiarava Mou al termine di un Tottenham-Arsenal del 6 dicembre del 2020 e vinto dagli ‘Spurs‘ per 2-0. “Tatticamente sono molto bravi, erano molto ben organizzati, costruivano in quattro, difendevano in cinque“, sottolineava Mourinho che poi aggiungeva: “Hanno uno spirito incredibile, ma ci hanno dato problemi perché sono una buona squadra e Arteta è un buon allenatore“. Poi la frase profetica: “I giornali domani parleranno di loro che non sono in una buona posizione ma credo che con questi giocatori, con Mikel, l’Arsenal sarà di nuovo l’Arsenal“.

L'Arsenal si aggiudica il derby, Arteta: "Emozione indescrivibile"

Guarda il video

L’Arsenal si aggiudica il derby, Arteta: “Emozione indescrivibile”

Precedente Genoa, colpo di Coda: 1-0 al Venezia, Gilardino secondo Successivo Torino: resta l'ansia per Lukic

Lascia un commento