Mou si gode Felix: “Che freddezza. Ora gli comprerò le scarpe che voleva tanto”

L’allenatore della Roma: “Mi ha colpito anche l’umiltà di Afena-Gyan. Partita fantastica di Mkhitaryan. Zaniolo? In questo modulo farebbe la punta. Shevchenko? Mi ha regalato una bottiglia di vino rosso”

José Mourinho si gode l’asso che ha tirato fuori dalla panchina: Felix Afena-Gyan è entrato e ha segnato una doppietta portando tre punti alla Roma. “Nel secondo tempo il Genoa si è abbassato di più, c’erano pochi spazio e ho pensato che Felix avesse un profilo diverso e potesse mettere in difficoltà gli avversari, come contro Cagliari e Milan”. L’allenatore giallorosso racconta come i è accorto del 18enne ghanese. “L’ho visto giocare con la Primavera, che si allena accanto a noi, e quello che più mi ha impressionato è stata la sua freddezza davanti alla porta. Forse tecnicamente non è un fenomeno, ma è davvero molto bravo a fare gol. E poi mi hanno colpito la sua fisicità e la sua umiltà. Spesso in queste nuove generazioni trovi ragazzi che pensano di sapere tutto. Lui è l’opposto”. E ancora. “Gli avevo promesso delle scarpe che gli piacciono tanto e costano circa 800 euro. Lui è venuto lì per ricordarmelo. Domani mattina vado a comprarle”.

Zaniolo e Sheva

—  

Poi l’analisi della partita e del momento giallorosso: “Una Roma in controllo del match, abbiamo girato la palla molto bene, non riuscivamo a finalizzare. Partita fantastica da parte di Mkhitaryan, migliore giocatore in campo. Sono sereno, abbiamo lavorato tanto bene in questa settimana”. Zaniolo fuori per scelta tecnica. “Questa squadra non è costruita per giocare così. Il discorso su Zaniolo vale anche per Perez o Mkhitaryan. Nel modulo attuale per me Zaniolo sarebbe una punta”. Mourinho svela infine un aneddoto: “Prima della partita Shevchenko mi ha regalato una bottiglia di vino rosso, regalo tradizionale in Inghilterra da parte dell’allenatore che gioca in casa”.

Precedente Lione Marsiglia rinviata: Payet colpito da bottiglia/ Video Ligue 1: arrestato tifoso Successivo Il ruggito dell’Inter nel campionato delle belle imperfette

Lascia un commento