Morte Gigi Riva, le reazioni e la giornata del lutto: rivivi la diretta

ROMA – E’ morto all’età di 79 anni Gigi Riva, leggenda del calcio italiano. Fu un calciatore eccellente, davanti ai miliardi dei maggiori club italiani decise di restare in Sardegna accanto al suo popolo. Rivivi la diretta.


19:55

Addio a Gigi Riva, la Sardegna in lutto

In Sardegna è lutto regionale, e a Cagliari lutto cittadino, da ieri e fino alla fine delle esequie per la scomparsa di Gigi Riva: sospesi tutti gli eventi, bandiere a mezz’asta in tutti i comuni (da Sassari a Carbonia) e serrande dei negozi abbassate durante i funerali, in programma domani (24 gennaio) alle ore 16.


19:50

Oddi su Riva: “Avrebbe giocato in tutte le squadre del mondo”

Ai microfoni di Radiosei, l’ex difensore della Lazio Giancarlo Oddi ha ricordato Gigi Riva: “Mi ricordo durante il servizio militare che Riva e Chinaglia appena arrivato in caserma mi fecero un gavettone e non si nascosero nemmeno, anzi ridevano. Io non li conoscevo personalmente, la presi male e salii per affrontarli. Poi mi resi conto che non era il caso viste le dimensioni di entrambi. Quando incontravamo il Cagliari io marcavo Gori che era la punta, mentre Riva era ala. Lo vedevo giocare e pensavo che era un mostro di bravura“. Il difensore, protagonista con la Lazio dello scudetto del 1974, racconta un aneddoto che lo lega a ‘Rombo di tuono‘: “Una volta, giocavo ancora con la Massese, lo incontrai e dovetti marcarlo. Mi ricordo che tirò una punizione allucinante e fece gol. Era fortissimo. Poteva segnare in qualsiasi modo. Avrebbe potuto giocare in tutte le squadre del mondo, ma rimase a Cagliari e questa è una cosa romantica e bella per un atleta. Lui ha amato quella gente”.


19:35

Zenga: “Riva? Un totem, persona straordinaria”

Gigi Riva? Come interlocutore era incredibile: era il nostro guru, il nostro totem, lo guardavamo come icona assoluta“. Così l’ex portiere dell’Inter e della Nazionale azzurra, Walter Zenga, ricorda ‘Rombo di tuono‘ ai microfoni di Radio Sportiva. “Sempre discreto nella presenza, ma sempre con parole importanti, giuste, quando servivano. Non alzava mai la voce ma diceva sempre quello che vedeva in maniera semplice e diretta. Al Cagliari – racconta Zengala prima persona che ho chiamato è stato proprio lui, era la cosa più giusta che potessi fare visto che ero a casa sua, nel suo mondo. Mi sentii di onorarlo non appena misi piede a Cagliari“.


19:20

Gigi Riva, la camera ardente allo stadio: gli orari

La camera ardente allestita all’Unipol Domus, lo stadio di Cagliari, per rendere omaggio a Gigi Riva, resterà aperta fino alle ore 22 per poi riaprire domani mattina (24 gennaio) alle 7 e fino alle 13. Alle 16 invece i funerali nella basilica di Nostra Signora di Bonaria.


19:10

Anche lo sci rende omaggio a Gigi Riva: i dettagli

Su iniziativa del presidente del Coni, Giovanni Malagò, il numero uno della Federazione italiana sport invernali (Fisi) Flavio Roda, invita le società organizzatrici a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si svolgeranno in Italia nel fine settimana, per onorare la memoria di Gigi Riva.


18:55

Mancosu ricorda Riva: l’emozionante post social

Forse neanche tu sapevi realmente cosa sei stato per tutti i sardi, grazie per tutte le emozioni che vivranno in eterno. Ciao Gigi“. È l’emozionante post su Instagram di Marco Mancosu, centrocampista del Cagliari, che ha voluto ricordare Gigi Riva con un’immagine a dir poco iconica: il gol in rovesciata, di ‘Rombo di tuono’, al ‘Menti‘ di Vicenza contro il Lanerossi. Era il 18 gennaio 1970: tre mesi dopo quella prodezza, il Cagliari si laureò campione d’Italia.


18:45

Suazo rende omaggio a Riva: “Buon viaggio Gigi”

Anche David Suazo, ex attaccante del Cagliari, ha voluto ricordare ‘Rombo di tuono‘ con un toccante post social che lo raffigura in compagnia di Pelé: “Buon viaggio Gigi rimarrai sempre nei nostri cuori, grazie al legato che ci hai lasciato la Sardegna ti ricorderà per sempre e per sempre rimarrai con noi“.


18:25

Lo striscione dei tifosi

Amato da tutti i tifosi del calcio, ma soprattutto dai cagliaritani. Striscione per l’idolo di un popolo, un messaggio carico d’affetto. Qui il video dello striscione dal nostro inviato.


18:15

La casa di Gigi Riva

Questa la casa di Riva a Cagliari. Ormai cagliaritano a tutti gli effetti, dopo il calcio decise di rimanere nella città di cui è diventato simbolo.


18:11

Il ricordo di Zola

“Un simbolo della nostra Sardegna. Lui ci ha scelto. Noi lo abbiamo ammirato, amato, respirato. Continueremo a farlo: per sempre, di generazione in generazione”. Con questo post sui social, Gianfranzo Zola ricorda Gigi Riva.


17:47

Gli orari della camera ardente

I cancelli dello stadio sono stati aperti alle 14 e l’ingresso rimarrà consentito fino alle 22. Poi di nuovo dalle 7 alle 13 di domani. I funerali si terranno domani pomeriggio alle 16 nella Basilica di Bonaria, sempre a Cagliari.


17:29

La Sardegna in lutto per la leggenda Riva

Bandiere listate a lutto anche a Oristano per la scomparsa di Gigi Riva. Il sindaco oristanese Massimiliano Sanna, aderendo a quanto disposto dal sindaco di Cagliari e dal presidente della Regione Sardegna, ha disposto l’abbrunamento delle bandiere degli uffici comunali fino al giorno delle esequie del compianto campione.


17:21

Il ricordo di Rocco Sabato

L’ultimo numero 11 del Cagliari prima del ritiro della maglia di Gigi Riva sarà domani a Bonaria per salutare Rombo di Tuono. È Rocco Sabato, ha giocato per due anni con la maglia rossoblù conquistando una promozione in A e una salvezza tra il 2003 e il 2005. La simbolica consegna della maglia risale al 9 febbraio 2005: una cerimonia prima della gara tra Italia e Russia giocata al Sant’Elia. “Riva è stato un campione, ma anche una persona eccezionale, ricordo che anche in quell’occasione fece di tutto per mettermi a mio agio. Io ero molto giovane e lui si preoccupava di chiedermi come stessi, cercando di coinvolgermi. Una grande umanità e umiltà”.


16:59

Riva, la leggenda per tutti

Gente e tifosi di ogni età per Gigi Riva. Domani i funerali previsti per le ore 16. Bandiere e corone di fiori da diverse società calcistiche. Le ultime dal nostro inviato.


16:49

Una lunga fila per Riva

Allo stadio l’ultimo saluto per la leggenda Gigi Riva. Tanta gente in fila come testimonia il video del nostro inviato. Qui il video.


16:13

Parla il parrocco della Basilica di Bonaria

“La scelta di fare i funerali nella Basilica di Bonaria è una cosa significativa perché è la Patrona della Sardegna e lui è rimasto sardo per tutta la vita. Questo ci fa tanto onore, è un’emozione forte. Riva si sentiva sardo, era figlio di questo Santuario“. Lo dice a LaPresse padre Eugenio Caramia, parroco della Basilica di Nostra Signora di Bonaria di Cagliari dove domani si terranno i funerali di Gigi Riva. “Io non ho avuto la gioia di conoscerlo, ma abbiamo dei nipoti che vengono al catechismo qui da noi – aggiunge padre Caramia -. Ieri sera appena avuta la notizia, che ci ha colto di sorpresa, abbiamo fatto una preghiera per lui”. Padre Caramia racconta poi che in queste ore ci sarà “l’incontro con i responsabili della Protezione Civile per l’organizzazione dei funerali. Saranno allestiti i maxi-schermi sulla piazza”.

Gigi Riva, la camera ardente a Cagliari: ex compagni e tifosi in lacrime

Guarda la gallery

Gigi Riva, la camera ardente a Cagliari: ex compagni e tifosi in lacrime


16:09

Il ricordo di Tortu per Gigi Riva

“Una ferita per tutta l’Italia e per tutta la Sardegna in generale”. Così lo sprinter azzurro Filippo Tortu ricorda Gigi Riva a Radio Sportiva. “Per chiunque abbia praticato lo sport e lo ami è uno dei più grandi esempi di umanità, di valore e di amore per la squadra e la maglia – prosegue il brianzolo delle Fiamme Gialle, oro a Tokyo nella staffetta – Ha insegnato cosa voglia dire sentirsi a casa e mi ha lasciato con il cuore distrutto. Io caratterialmente mi sono sempre sentito simile a lui, molto riservato ma allo stesso tempo semplice nelle relazioni e nel rapporto con la città . Pur non essendo nato in Sardegna come me era diventato uno sardo vero, per me è stato e sarà  ancora parte importante della mia vita”.“Non ho avuto mai il piacere di conoscerlo, ma è stato uno sportivo che mi ha affascinato molto”.


16:07

In tv andrà in onda la “Partita di Gigi Riva”

È stata definita la partita del secolo: Italia-Germania, leggendaria semifinale dei Mondiali di Messico ’70 terminata con la vittoria per 4 a 3 per gli azzurri, è entrata nella storia del calcio grazie anche – e soprattutto – al grande Gigi Riva, morto. La7 oggi dopo Tagadà alle 17.20 con ‘C’era una volta il Novecento’ omaggia Rombo di Tuono riproponendo quella sfida durata 120 minuti, tra emozioni infinite, sofferenza e fatica. Insieme a Riva, che mise la firma segnando il terzo gol, altri miti del nostro calcio come Rivera, Boninsegna, Burgnich, Mazzola, De Sisti, Albertosi e – tra gli avversari – Muller e Beckenbauer.


16:05

Alla Camera un minuto di silenzio per Riva

Alla Camera dei deputati ha osservato un minuto di silenzio in ricordo di Gigi Riva, scomparso ieri all’età di 79 anni. In precedenza, diversi deputati hanno preso la parola per ricordare le sue doti sportive e umane. Il minuto di silenzio è stato seguito da un lungo applauso.


16:03

Il ricordo del bambino a cui Riva ruppe il braccio

“Era il campionato successivo a quello dello scudetto, ed eravamo all’Acqua Acetosa dove il Cagliari si stava allenando prima di una partita con la Lazio. Scavalcammo uno steccato e io mi misi dietro a una porta: poco dopo, una sua bordata mi prese in pieno. E chi se lo dimentica?“. Danilo Piroddi all’epoca aveva 9 anni e Gigi Riva era il suo idolo. Suo “e di mio padre che quel giorno mi portò lì perché era un tifoso sfegatato del Cagliari”. Sono balle che Riva poi mi autografò il gesso – continua il racconto dell’allora bambino – ma fu molto gentile con me, venne a trovarmi e io gli sono grato. E ora per la sua morte ci sono rimasto malissimo. Ricordo anche che quando venne a trovarmi gli chiesi una sua maglia e un pallone, ma lui di quella n.11 ne aveva solo una, all’epoca era così e non come adesso dove le maglie le trovi anche in negozio, e quindi non me la diede”. Nacque un rapporto durato fino a ieri: “Io vivo in Sicilia – dice Piroddi – ma eravamo rimasti in contatto. Ci siamo sentiti e dovevo anche andare a Cagliari. Ma ora…”.


15:48

L’iniziativa della Regione Lombardia per Riva

“Tenere vivo il ricordo di Gigi Riva deve essere un impegno comune da parte di tutti e lo deve essere ancor più per la Lombardia, visto che il grande campione è nato e cresciuto a Leggiuno in provincia di Varese”. Lo dice l’assessore alla Cultura della Regione Lombardia, Francesca Caruso, annunciando la volontà  di ricordare Gigi Riva con un appuntamento a Palazzo Lombardia. “Proprio per questo – prosegue Caruso – nell’apprendere l’iniziativa del sindaco del paese natale di ‘Rombo di Tuono’, Giovanni Parmigiani, che ha annunciato la realizzazione di una mostra con foto e ricordi del grande attaccante, come Regione siamo pronti a collaborare per organizzare un evento a Palazzo Lombardia, così da celebrare il mito di quella che senza dubbio è già  una leggenda del nostro calcio. Lo faremo coinvolgendo tutti coloro che a vario titolo possono portare un contributo concreto nel nome del grandissimo Gigi Riva”.


15:44

L’omaggio della Camera

L’aula della Camera sta ricordando Gigi Riva, scomparso improvvisamente ieri sera. A ricordarlo sono un parlamentare per gruppo, a cominciare da Salvatore Deidda (Fdi), il primo degli oratori, e da Ugo Cappellacci (Fi), ex presidente della Regione. Silvio Lai (Pd).


15:33

Cagliari, le parole del presidente Giulini

“Nel ricordo di Riva volevo dare un messaggio di unione. È questa la cosa che mi porto più dietro. Lui è il mito di un popolo intero. Tutti noi con il suo ricordo costante seguendo il suo esempio, i suoi principi, i suoi valori sempre portati avanti con semplicità e umiltà possiamo continuare a unire un popolo intero che è ciò che lui più di tutti ha fatto in questa terra che ha amato e in cui ha deciso di vivere”. Così il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini, giunto alla camera ardente per Gigi Riva insieme alla squadra per un omaggio a ‘Rombo di Tuono’.


15:30

L’omaggio del Cagliari per il suo mito

Il Cagliari alla camera ardente allestita alla Domus per Gigi Riva. Con i giocatori anche l’allenatore Claudio Ranieri, il presidente Tommaso Giulini, il direttore sportivo Nereo Bonato e i dirigenti (tra loro gli ex giocatori Andrea Cossu e Roberto Muzzi) e lo staff del club. La squadra – tutti vestivano la tuta con i colori rossoblu – ha reso omaggio al campione con un mazzo di fiori.


15:14

Cagliari, le parole di Pavoletti per Riva

“Abbiamo perso il più grande italiano di tutti i tempi. I suoi amati colori, rossoblu, lo accompagneranno su in cielo”. Così l’attaccante del Cagliari Leonardo Pavoletti, giunto alla camera ardente per Gigi Riva insieme ad altri giocatori della squadra per un omaggio a ‘Rombo di tuono’. “Oggi è difficile trovare le parole. Ieri è arrivato questo brutto colpo che per me, non solo per i sardi, per i familiari immagino cosa sia stato. Ci tenevo a portare le mie più sincere condoglianze alla famiglia e a tutto il popolo sardo. Cosa ci accomunava? Venendo da fuori abbiamo amato questa terra. Sono sicuro che sarebbe bastato uno sguardo per capirci. Mi dispiace averlo incontrato oggi per la prima volta. Il ricordo sarà indelebile. Ci tenevo a portare il mazzo di fiori della squadra”.


15:05

Ai funerali ci sarà Monsignor Baturi: annullata la conferenza Cei

L’incontro dei giornalisti con il segretario generale della Cei a conclusione dei lavori del Consiglio Episcopale Permanente, previsto per domani 24 gennaio alle ore 14, è annullato. Mons. Baturi, infatti, sarà a Cagliari per presiedere le esequie di Gigi Riva, che si terranno nella Basilica di Nostra Signora di Bonaria, alle ore 16. Lo comunica la Cei.


14:55

Cagliari, Ranieri e la squadra i primi ad entrare per il saluto a Riva

I giocatori e il tecnico rossoblù, insieme al presidente Giulini, sono stati i primi ad arrivare per il saluto a Gigi Riva.


14:50

Morto Musiello, ex Roma e Genoa

Il giorno dopo il mito azzurro Gigi Riva se ne è andato un altro ex attaccante della Serie A, Si tratta di Giuliano Musiello, scomparso all’età di 70 anni. LEGGI TUTTO


14:42

Cagliari, lutto cittadino per Gigi Riva

Con ordinanza n.6 firmata questa mattina, il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha proclamato il lutto cittadino a partire da oggi e fino alla data delle esequie previste per domani, mercoledì 24 gennaio, per la scomparsa di Gigi Riva. “Campione straordinario nello sport, uomo di grandi valori, raro esempio di correttezza, rispetto e simbolo per intere generazioni, segno di riscatto sociale, ha amato la Sardegna e la città di Cagliari, scegliendola quale sua casa, luogo di vita e degli affetti più profondi” si legge nel provvedimento del primo cittadino che ha ritenuto doveroso fare proprio dell’Amministrazione il sentimento dell’intera comunità.


14:35

Gigi Riva, la lettera di Roberto Baggio

“Caro Gigi, amico di tante battaglie e di altrettante ferite. La vita ci ha unito nel suo viaggio, vissuto da noi con tanto amore ed infinita passione per il gioco più bello del mondo. Sei stato unico e prezioso esemplare di grande umiltà. Sei stato per me un esempio bellissimo di coerenza e di attaccamento alla maglia, di sincero coraggio. Hai amato come nessun altro la terra che ti ha adottato. Hai saputo trasformare la tua sofferenza e i tuoi dolori in positivo riscatto. Sei stato un compagno di viaggio saggio e prezioso, sei stato sempre te stesso dentro e fuori dal campo. Sei stato qualcosa di unico ed indimenticabile, così come sono certo che unico e indimenticabile sarà quel “rombo di tuono” che saprà accoglierti nel tuo viaggio celeste, dove ti auguro di incontrare presto coloro che hai amato e che troppo presto hai perduto. Ti voglio bene, Roberto Baggio“.


14:29

Morte Riva, la spiegazione dei medici

“La situazione è peggiorata all’improvviso e a qual punto è stato necessario praticare le manovre rianimatorie e portarlo in sala per effettuare l’angioplastica. In queste condizioni è difficile poter riaprire le coronarie: siamo riusciti a farlo soltanto in parte. Ma questo purtroppo non è stato sufficiente”. Così Bruno Loi, direttore di Cardiologia interventistica e emodinamica del Brotzu, spiega come sono intervenuti ieri sera per tentare di salvare Gigi Riva, arrivato in ospedale alle 3 del mattino di lunedì con una sindrome coronarica acuta.


14:22

Riva, la salma accolta da un lungo applauso

Un lungo applauso ha salutato davanti alla Domus l’arrivo della salma di Gigi Riva. L’auto con la bara del mito azzurro e rossoblu, proveniente dalla camera mortuaria del Brotzu, è entrata nel recinto dello stadio dall’accesso dell’area spogliatoi alle 13.20. 


14:15

Rivera ricorda Riva: “Ha dato tutto se stesso al Cagliari”

“Fu l’unico giocatore, a dire no a Milan, Inter e Juventus. Aveva deciso di restare a Cagliari, era la sua vita. Nessuna grande squadra si era accorto di lui, che c’era un giocatore di così grandi qualità. Dal momento in cui ha deciso di andare in Sardegna ha dato tutto per il Cagliari”. Così Gianni Rivera ricorda Gigi Riva. “Non so cosa gli sia capitato quando scelse di rinunciare ad un ruolo importante in Figc. Da allora decise di vivere la sua vita a casa e al bar del paese. Aveva una grande passione per il calcio ed era innamorato di Cagliari, lì ha trovato se stesso”.


14:06

Cagliari, la proposta di Giulini per Riva

A Gigi dedicheremo lo stadio – afferma Giulini – ma soprattutto lo sforzo costante di ognuno di noi per rendere ancora più gloriosa la maglia del Cagliari”. Leggi tutte le dichiarazioni del presidente del Cagliari.


13:56

Cagliari, il ricordo per Riva è da brividi

La dedica da parte del club che ha trascinato fino alla vittoria dello scudetto nella stagione 1969/1970LEGGI TUTTO


13:52

Gigi Riva, la Sardegna era tutto il suo mondo

Arrivò a Cagliari nel 1963, divenne presto bandiera e sovrano della regione: ecco il lungo viaggio della leggenda del calcio italiano. LEGGI TUTTO


13:45

Il mondo intero piange Gigi Riva: il ricordo della stampa estera

Ecco la reazione dei più grandi giornali internazionali alla notizia della morte di Gigi Riva.

Il mondo intero piange Gigi Riva: la stampa estera ricorda 'Rombo di tuono'

Guarda la gallery

Il mondo intero piange Gigi Riva: la stampa estera ricorda ‘Rombo di tuono’


13:35

Riva, il tributo durante la finale di Supercoppa

Le immagini sui maxi-schermi all’inizio del secondo tempo della sfida tra Inter e Napoli.

Addio Gigi Riva, la dedica speciale durante la finale di Supercoppa

Guarda la gallery

Addio Gigi Riva, la dedica speciale durante la finale di Supercoppa


13:23

Riva, quei fischi un insopportabile scempio

Rabbia e sconcerto per quanto accaduto a Riyad: un’altra, inaccettabile, caduta di stile.

Supercoppa, quei fischi durante il minuto di silenzio per Riva un insopportabile scempio

Guarda il video

Supercoppa, quei fischi durante il minuto di silenzio per Riva un insopportabile scempio


13:12

L’ultimo no di Gigi Riva

Se ne va la sostanza più autentica del calcio italiano. Se ne va tra i fischi del pubblico di Riyad, che insulta la memoria col suo semplice ignorarla, rendendo plastico l’abisso di analfabetismo a cui può giungere il calcio che si svende ai petrodollari. LEGGI TUTTO


13:05

Riva, le foto più belle della sua carriera

Le foto della leggendaria carriera di Gigi Riva, dal Cagliari alla Nazionale.

Morte Gigi Riva, le foto più belle della sua leggendaria carriera

Guarda la gallery

Morte Gigi Riva, le foto più belle della sua leggendaria carriera


12:55

Riva, a Cagliari due giorni di lutto cittadino

Con un’ordinanza firmata questa mattina, il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, ha proclamato il lutto cittadino a partire da oggi e fino alla data delle esequie previste per domani, mercoledì 24 gennaio, per la scomparsa di Gigi Riva. L’amministrazione comunale parteciperà alla cerimonia funebre con il Gonfalone della Città di Cagliari. I cittadini, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni politiche, sociali e produttive, le associazioni sportive, sono invitate ad esprimere la partecipazione al lutto mediante la sospensione delle attività durante la celebrazione delle esequie.


12:40

Riva, centinaia di persone in fila per la camera ardente

Un centinaio di persone già in fila alla Unipol Domus per attendere la salma di Gigi Riva, il campione del Cagliari e della Nazionale, scomparso ieri sera all’ospedale Brotzu. Ancora in fase di allestimento l’accoglienza delle migliaia di tifosi che verosimilmente vorranno rendere l’ultimo omaggio a Rombo di Tuono. L’accesso allo stadio è programmato per le 14 e si protrarrà entrare oggi sino alle 22.


12:30

Riva, camera ardente aperta alle 14

La salma di Gigi Riva sarà trasferita fra pochi minuti allo stadio Unipol Domus: la camera ardente sarà aperta oggi – dalle 14 alle 22 – e domani mattina dalle 7 alle 13.


12:20

Riva, il sindaco è arrivato allo stadio

Il primo cittadino di Cagliari Paolo Truzzu è arrivato da pochi minuti allo stadio dove si sta allestendo la camera ardente di Gigi Riva. Questa mattina soltanto gli ex compagni di squadra e gli amici più stretti hanno potuto portare l’ultimo saluto alla leggenda del calcio italiano presso la camera mortuaria delll’ospedale Brotzu dove l’ex campione è deceduto nella serata di ieri. La camera ardente verrà aperta nel primo pomeriggio. C’è grande attesa in città e in tutta la Sardegna per portare l’ultimo saluto all’ex campione del Cagliari: questa mattina molti tifosi si sono presentati al Cagliari Club dove c’è la statua di Rombo di Tuono Leggi tutto


12:05

Riva, l’ordinanza del sindaco e il lutto cittadino

Con un’ordinanza firmata questa mattina il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha proclamato il lutto cittadino, a partire da oggi e fino alla data delle esequie previste per domani, mercoledì 24 gennaio, per la scomparsa di Gigi Riva. “Campione straordinario nello sport – si legge nell’ordinanza del Comune – uomo di grandi valori, raro esempio di correttezza, rispetto e simbolo per intere generazioni, segno di riscatto sociale, ha amato la Sardegna e la città di Cagliari, scegliendola quale sua casa, luogo di vita e degli affetti più profondi”. Bandiere a mezz’asta in tutti gli uffici pubblici della città e della Regione Sardegna, attività commerciali sospese durante le esequie che avverranno domani pomeriggio alle 16.00.


12:00

Sky Sport, una programmazione speciale per Gigi Riva

Sky Sport rende omaggio alla leggenda del calcio italiano, Gigi Riva, con una programmazione dedicata a partire dalle 14 su Sky Sport Calcio. Nel corso della giornata anche altri appuntamento su Sky Sport 24 e Sky Sport Uno. Sarà possibile rivivere le sue grandi imprese attraverso gli speciali di Sky Sport. Doppio appuntamento con Federico Buffa, i due episodi di Sky Buffa Racconta Gigi Riva e Sky Buffa Racconta 1968: Roma. Alle 19.15, su Sky Sport Calcio, ‘A chent’annos’, il docufilm realizzato nel 2020 per i 100 anni del Cagliari Calcio, oltre all’History Remix, Lo Scudetto del Cagliari 1969-70. Si inizia alle 14.00 su Sky Sport Calcio con il film che riprende nel titolo il soprannome che a Riva diede Gianni Brera: “Nel nostro cielo rombo di tuono”.


11:45

Riva, domani alle 16 i funerali

Il monsignor Giuseppe Baturi, arcivescovo di Cagliari e segretario generale della Cei celebrerà i funerali di Gigi Riva che si terranno mercoledì 24 gennaio alle 16 presso la Basilica di Nostra Signora di Bonaria. Leggi tutto


11:40

Riva, il ricordo dell’ex compagno Piras

L’ex attaccante del Cagliari Luigi Piras ricorda la Leggenda del calcio italiano: Gigi Riva è stato ben voluto da tutti per tanti motivi – sottolinea l’ex compagno di squadra – ha vinto lo scudetto con il Cagliari, è stato il miglior marcatore della Nazionale, ha sposato il Cagliari, ha giocato per i colori rossoblù e per la Sardegna intera: avrebbe potuto fare il Presidente della Regione e lo avrebbero votato tutti. E’ una grave perdita. È stata sempre una persona schiva e lontana dalla pubblicità. Con lui in campo, partivamo sempre un vantaggio di un gol”.


11:25

La scomparsa di Riva sui giornali del mondo

La notizia della morte di Gigi Riva ha fatto il giro del mondo. I maggiori quotidiani riportano la notizia dando rilievo alla scomparsa dell’ex attaccante italiano. In Germania la Bild titola “Muore la leggenda italiana Riva” pubblicando una foto di un contrasto tra Gigi Riva e Berti Vogts in Italia-Germania 4-3. Sempre in Germania Kicker scrive “L’Italia piange la scomparsa di uno dei migliori attaccanti del mondo: Luigi Riva è morto”. In Spagna Marca titola “È morto Gigi Riva, leggendario attaccante del calcio italiano”. In Inghilterra il Mirror ricorda Riva come “vincitore degli Europei” del 1968. In Francia L’Équipe dedica uno spazio in prima pagina: ”Riva s’en va”. In Brasile O Globo racconta Riva ricordandolo come “il miglior cannoniere della Nazionale italiana”.


11:10

L’ex compagno Tomasini ricorda Gigi Riva

L’ex compagno di squadra racconta l’ultimo incontro con la leggenda del calcio italiano. ”E’ un momento molto triste – sottolinea Giuseppe Tomasini a Radio Giornale Radio – Gigi è stato davvero un grande, ma non ha mai usato la sua grandezza per dimostrare qualcosa nei nostri confronti. Ero andato a trovarlo venerdì sera, era tranquillo e felice – ricorda l’ex difensore rossoblu, classe 1946 – abbiamo parlato del passato, della nostra squadra, delle gesta del nostro Cagliari. Lui sorrideva, e non è una cosa che faceva spesso. Gigi era un amico, è stato il mio testimone di nozze: abbiamo vissuto insieme tutti i periodi più belli della nostra vita”.


10:55

Riva, camera ardente allo stadio

La città di Cagliari ha scelto di tributare l’ultimo saluto a Gigi Riva allo stadio Unipol Domus. La camera ardente verrà aperta nel primo pomeriggio di oggi. A breve è attesa l’ordinanza del Sindaco Truzzu per ufficializzare anche l’orario e la data dei funerali che dovrebbero svolgersi mercoledì pomeriggio nella Basilica di Bonaria a Cagliari. Leggi tutto


10:45

L’Equipe ricorda Gigi Riva

Il quotidiano sportivo francese nell’edizione odierna ricorda il campione italiano e titola: “Riva, e il tuono tacque”. Gigi Riva definito “uno dei più formidabili attaccanti della storia del calcio italiano, Gigi Riva, recordman di gol in nazionale ed eroe del Cagliari e di tutta la Sardegna. Non sentiremo più il rombo del tuono – scrive L’Equipeuno dei più forti attaccanti della seconda metà del XX secolo. Il quotidiano francese ricorda gli inizi di Riva, sottolineando che “si nutrì dei colpi del destino per riversare tutta la sua grinta nel calcio, prendendosela con i palloni. Quella forza, in particolare il terrificante sinistro, Riva la metterà al servizio di una causa, di un ideale, di un’isola: Cagliari, club simbolo della Sardegna. Quel Cagliari – conclude L’Equipe – senza nessun giocatore sardo, diventerà tuttavia un motivo di orgoglio per un intero popolo. E una squadra di formidabile competitività, capace di dare sei giocatori alla nazionale ai Mondiali di Messico ’70“.


10:25

Riunione tra Sindaco e Prefetto per la camera ardente

E’ iniziata poco prima delle otto la riunione tra il Sindaco e il Prefetto di Cagliari per decidere il luogo della camera ardente di Gigi Riva che verrà aperta nel pomeriggio. La prima opzione riguarda lo stadio, luogo che potrebbe garantire il mantenimento dell’ordine pubblico senza particolari criticità per l’affluenza. Ancora da decidere la data dei funerali potrebbero essere svolti nella giornata di mercoledì 24 gennaio (alle 16) nella basilica di Bonaria.


10:15

Cristiano De Andrè: “Regalò la sua maglia a mio padre”

Il figlio di Fabrizio De Andrè ricorda l’amicizia del padre con il campionissimo del Cagliari. E’ stato una leggenda del calcio e una bellissima persona – afferma Cristiano De André sui social ricordando Gigi Riva – mi ricordo ancora quando venne a trovare mio padre a Genova, era un suo grande fan. C’ero anche io presente quel giorno nel salotto di casa, gli regalò la sua maglia n.11 del Cagliari che poi finì a me per un lungo periodo e con la quale me ne andavo orgoglioso a giocare a pallone con i miei compagni di scuola”.


10:00

Il regista Milani: Riva, seminatore di valori”

“Non ha tradito l’immagine che io avevo di lui da bambino – ha raccontato il regista Riccardo Milani a Sky TG24  – in campo e fuori dal campo seminava valori, quelli sportivi e quelli umani, quelli etici. Era un uomo di grande coraggio, di grande umiltà, di grande onestà, di grande coerenza”. 


9:45

Riva, il ricordo di Gianni Rivera

“Il primo pensiero è che abbiamo percorso tanta strada insieme, e che è stato un bel periodo – afferma Gianni Rivera sulle colonne del Corriere della Sera – avevamo un ottimo rapporto. Aveva un carattere molto forte ma io non l’ho mai visto litigare con nessuno: per carattere, era abbastanza chiuso in se stesso. Era una persona seria, perbene, capace, una di quelle che tirano fuori l meglio di sè e degli altri”. Addio a Riva: le reazioni sui social


9:40

L’arcivescovo di Cagliari: “Riva, leale e coraggioso”

“La morte di Gigi Riva tocca nel profondo il cuore di Cagliari e di tutta la Sardegna – sottolinea l’arcivescovo di Cagliari e segretario generale della Cei, Giuseppe Baturi – nella sua carriera di calciatore e di dirigente scorgiamo le caratteristiche dell’etica sportiva che, più volte, Papa Francesco ha ricordato, soprattutto nel dialogo con gli atleti: la lealtà, il coraggio, la disciplina del corpo e della mente, la fantasia e il sacrificio, l’amicizia, lo spirito di gruppo, l’agonismo non come prevaricazione ma come ascesi spirituale, il riscatto sociale“.


9:35

Giulini: Dedicheremo a Riva il nuovo stadio del Cagliari

“Per quasi dieci anni averlo accanto, discreto e prezioso, silenzioso ma decisivo in ogni suo gesto, mi ha dato forza e consapevolezza – sottolinea il presidente del Cagliari Tommaso Giulini – un privilegio enorme potermi avvalere del rispetto e della benevolenza del più grande di tutti. Presenza costante per un popolo intero, totem inarrivabile che non verrà mai meno. A Gigi dedicheremo lo stadio, ma soprattutto lo sforzo costante di ognuno di noi per rendere ancora più gloriosa la maglia del Cagliari, come ha fatto lui da giocatore, da dirigente, da bandiera che non si ammainerà mai. Vola in cielo Gigi e con la tua stella guidaci, sempre”.


9:30

Riva, il ricordo di Boninsegna

Due anni, uno accanto all’altro. Roberto Boninsegna, ex attaccante del Cagliari, ricorda le tre stagioni vissute accanto a Gigi Riva. “Quando sono arrivato a Cagliari lui era lì, ho condiviso con lui la camera in ritiro. Sono stati anni bellissimi, perché stava nascendo il Cagliari dello scudetto. Non avevo la macchina – afferma intervenendo su RaiUno – vivevamo in simbiosi: colazione, pranzo, cena, stavamo sempre insieme, mi scorrazzava ovunque. Eravamo grandi amici, in campo tra noi c’era un grande feeling, se qualche difensore andava sgarrava, lo sistemavamo. Al termine della seconda stagione, il presidente ci mise davanti a una scelta: uno dei due avrebbe dovuto lasciare il Cagliari: lui rifiutò immediatamente l’offerta della Juventus, io accettai di andar via, ma soltanto per andare all’Inter, la squadra per cui tifavo da bambino”.


9:15

Figc: Un minuto di silenzio su tutti i campi

Il calcio italiano piange uno dei suoi più grandi campioni. Gigi Riva resta il miglior marcatore della storia della Nazionale con 35 gol. Fu il primo calciatore cagliaritano ad essere convocato in Azzurro, vinse il Campionato Europeo del 1968 segnando un gol decisivo nella finale con la Jugoslavia. La Federcalcio ha deciso che in sua memoria verrà osservato un minuto di raccoglimento prima delle gare di tutti i campionati in programma nel fine settimana.


9:00

Il ricordo del Presidente Mattarella

La figura di Gigi Riva è stata ricordata anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Tanti italiani, e io tra questi, apprendono l’improvvisa notizia della morte di Gigi Riva con autentico dolore – si legge nella nota del Quirinale – i suoi successi sportivi, il suo carattere di grande serietà, la dignità del suo comportamento in ogni circostanza gli hanno procurato l’affetto di milioni di italiani anche tra coloro che non seguivano il calcio. Esprimo ai familiari il mio cordoglio e un sentimento di sincera vicinanza”.


Roma, Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Il Barça furioso: "Real? La Liga è falsata" Successivo Calcagno (Aic): "Metà degli insulti ai calciatori sono di matrice razzista, servono sanzioni dure"