Morata, il Milan ci prova: perché la clausola è un’occasione da sfruttare

Occasione Alvaro Morata per il Milan. La squadra rossonera ha spostato il mirino sulla punta della nazionale spagnola per riempire il vuoto lasciato da Olivier Giroud. Il 31enne, attaccante dell’Atletico Madrid, è un profilo che piace da diverse sessioni di mercato, ma stavolta il Milan vuole provarci concretamente e sfruttare la clausola da 13 milioni presente nel contratto di Morata. La spesa sarebbe davvero minima rispetto ai costi prospettati per tutti gli altri attaccanti accostati alla squadra di Paulo Fonseca. Morata porterebbe esperienza internazionale, oltre ad avere già conoscenza del campionato italiano in quanto in passato ha vestito la maglia della Juventus. La punta ha un contratto fino al 2026 ma la clausola fa davvero gola al Diavolo e infatti di recente ci sono stati contatti con gli agenti del giocatore. L’operazione viene definita difficile ma non impossibile. La difficoltà sta nella richiesta d’ingaggio, di oltre sei milioni di euro.

Il Milan aspetta la decisione di Morata

Sarà Morata a decidere alla fine dell’Europeo se cedere alla corte del Milan o restare all’Atletico Madrid. Di recente si era esposto con un post sui social in cui annunciava di voler rimanere in Spagna: «Resto all’Atletico finché non vinco», ma erano risposte alle voci di un trasferimento in Arabia. Alvaro aveva già rifiutato offerte faraoniche da parte di club della Saudi Pro League, perché ha ancora voglia di rimanere in Europa. Discorso diverso invece per il Milan. Tornerebbe in Italia, dove ha famiglia, e giocherebbe in una società storica, pronto ad essere il centravanti nelle notti di Champions. La tentazione c’è, ma la decisione verrà presa tra qualche giorno.

Milan, difficoltà per Zirkzee

Il Milan si è fatto avanti e ha sondato il terreno con Morata così come per altri attaccanti. Moncada e Ibrahimovic non hanno escluso le altre piste. Il mirino su Morata è stato spostato da qualche giorno perché le difficoltà per arrivare a Joshua Zirkzee sono ancora tante. I 15 milioni di commissioni chiesti dall’agente dell’olandese hanno fatto calare il gelo tra le parti, ma la partita non è ancora chiusa. I rossoneri ci sperano ancora e ci stanno lavorando. Il Milan vuole mettere a segno un grande colpo in attacco, e si prenderà il tempo necessario per arrivare al nome giusto.

Il Milan punta su Jimenez come vice-Theo

Il Milan dovrà rinforzarsi anche in difesa ma non acquisterà un altro giocatore nel ruolo di terzino sinistro perché ha deciso di puntare su Alex Jimenez. Sarà lui il vice Theo Hernandez, e lo ha annunciato Zlatan Ibrahimovic in persona durante la conferenza di presentazione della squadra Under 23. Lo spagnolo è stato riscattato per 5 milioni di euro dal Real Madrid e ha firmato un contratto fino al 2028 col Milan, con opzione di prolungamento di un’altra stagione. Sarà lui il giovane che concederà riposo a Theo Hernandez nel corso della prossima stagione. Discorso inverso per la corsia destra, dove Florenzi è destinato a partire e al suo posto si avvicina l’acquisto di Emerson Royal dal Tottenham.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Osimhen convocato per il ritiro del Napoli: cosa succede adesso Successivo Argentina in semifinale di Coppa America: Ecuador battuto ai rigori, Messi sbaglia

Lascia un commento