Monza, Palladino sul futuro: “A fine stagione parlerò con Galliani”

MONZA – Una doppietta di un super Milan Djuric frena la corsa Champions della Lazio e regala il 2-2 al Monza. I brianzoli salgono a quota 45 punti in classifica e interrompono la striscia di tre vittorie consecutive dei biancocelesti di Igor Tudor. I biancorossi centrano il secondo pareggio di fila ma non vincono dallo scorso 16 marzo, 1-0 sul Cagliari firmato Daniel Maldini. Al termine del match contro i capitolini Raffaele Palladino ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi ai microfoni di DAZN: “Abbiamo fatto una grande partita sotto tutti i punti di vista. Mi è piaciuto tutto. Diverse squadre avrebbero potuto abbattersi dopo il gol subito, i ragazzi invece hanno un cuore grande e l’hanno ripresa. Ma c’è rammarico perché meritavamo di più”.

Monza, Palladino dopo il 2-2 contro la Lazio

“La squadra è venuta qui con voglia di fare punti e con grandi individualità – ha aggiunto l’allenatore biancorosso -. Ma penso che sia stata una delle nostre migliori partite in casa. Eccessi di sicurezza? Credo siano dovuti al coraggio e io mi arrabbio se i miei giocatori giocano senza coraggio. Sul gol di Vecino c’è stata solo un’incomprensione. A Pessina e Colpani lascio molta libertà, ma lo faccio con tutti perché il nostro gioco è fatto di tante rotazioni – spiega –. Bisogna avere l’intelligenza di posizionarsi nello spazio giusto. Il calcio è libertà e bisogna mettere tutti i calciatori nelle condizioni di rendere al 110%”. Palladino spende poi belle parole per Galliani: “C’è un grandissimo rapporto, anche di amicizia oltre che lavorativo. Lo amo come dirigente, mi mette in condizione di poter lavorare bene e mi dà grandi consigli. Ogni giorno imparo da lui qualcosa. Futuro? Ne parlerò con lui a fine stagione, abbiamo un incontro a fine campionato. Ora il focus deve essere la squadra, voglio concentrarmi al 100% sui ragazzi. Tutti i discorsi personali passano in secondo piano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Inchinatevi a Re Carlo: Ancelotti sale a 28 titoli. E pensare che lo chiamavano "Perdente" Successivo Tudor deluso dalla Lazio di Monza: "In troppi sotto tono. E su Zaccagni..."

Lascia un commento