Modena, il 4-1 al Matelica vuol dire terzo posto: scavalcato il Perugia

MODENA – Il Modena sconfigge il Matelica, accorciando così sul Padova capolista, ora distante sei lunghezze.

Primo tempo frizzante: tre gol e tante occasioni

Che sia una partita divertente lo si vede da subito: al 1′ Moretti del Matelica sfrutta un rimpallo a favore e spara da dentro l’area, mandando però sul fondo. Dopo due minuti, arriva il gol del Modena: dopo un calcio d’angolo e una serie di carambole in area, Pergreffi si avventa sul pallone e realizza la sua seconda rete in campionato. De Santis impedisce il raddoppio gialloblù, parando il tiro di testa di Spagnoli. Leonetti guida il Matelica alla carica, sfoggiando tutto il suo atletismo con una rovesciata finita alta di poco. Gol sbagliato, gol subito: al 17 il Modena raddoppia con Muroni, a cui Castiglia mette un gioiellino sulla testa. I biancorossi non si abbattono e Volpicelli accorcia le distanze con un mancino a giro all’incrocio dei pali (ottavo sigilli in campionato). I canarini risentono della rete subita, peggiorando nella costruzione di gioco. Il primo tempo si conclude con una doppia chanche netta per i gialloblù: prima Mignanelli sfiora il tris con una sassata di sinistro, poi Castiglia s’inserisce in area e di testa spedisce alto.

Luppi e Muroni chiudono la partita

Inizia la ripresa e il Modena prende il largo: Tulissi cade nell’area del Matelica dopo un contatto con De Santis, per l’arbitro è rigore, che Luppi trasforma glaciale. I ritmi non calano, con i marchigiani per nulla disposti a cedere: ancora Volpicelli spaventa gli emiliani, stavolta con un calcio di punizione velenoso. La squadra di Mignani, d’altro canto, per poco non fa poker con l’indemoniato Castiglia (fiondata su suggerimento di Spagnoli) e con Luppi (tiro a campanile deviato). Il quarto gol però alla fine arriva: a siglarlo è Muroni con una bordata che si spegne all’incrocio dei pali.

Precedente Lazio, controlli in Paideia per Strakosha e Akpa Akpro Successivo Verona-Parma 2-1: Juric ritrova il sorriso, D'Aversa affonda

Lascia un commento