Milinkovic studia da tuttocampista. E con Basic Sarri ha più soluzioni in mezzo

Sergej sempre più leader e trascinatore anche in nazionale. Il centrocampista dei biancocelesti ha già sposato il nuovo corso e vola alto: “Obiettivo Champions “

C’è sempre Sergej Milinkovic sul ponte di comando. Anche con la maglia della Serbia il centrocampista della Lazio si è imposto da trascinatore.

UOMO ASSIST

—  

Firmando l’assist per il gol di Mitrovic che ha avviato il 4-1 sul Lussemburgo con cui è arrivato il primo posto nel girone per le qualificazioni al Mondiale. “Una vittoria importante con ambizione e determinazione”, la gioia del Sergente su Instagram. In nazionale sta proseguendo il suo buon momento iniziato in gol alla prima di campionato a Empoli quando ha pure innescato il raddoppio di Lazzari rinverdendo così il primato di assist tra i biancocelesti nel passato campionato: ben nove.

NUOVO CORSO

—  

“Quest’anno giochiamo più palla a terra e bisogna correre di più”, così Milinkovic ha indicato le differenze rispetto alla manovra disegnata con Inzaghi. É rimasto sulla destra della mediana che però ora si basa su tre elementi. A Milinkovic, come anche a Luis Alberto sul versante di sinistra, vengono chiesti compiti di maggior raccordo con la fase di copertura. Il 26enne serbo si è ben calato nella nuova parte.

Sfida i migliori fantallenatori al fantacampionato Nazionale di Magic Gazzetta, la classifica generale parte il 25 settembre! Avete ancora tempo, ma fate in fretta! In palio un montepremi da 260.000€. Attivati ora!

completezza

—  

Con Sarri potrà arricchire il suo patrimonio tattico per arrivare a completarsi nell’interpretazione del ruolo a tutto campo. Così si sente anche più sicuro per sfoggiare i lampi della sua classe. Soprattutto quei tocchi che sanno lanciare i compagni al gol. La combinazione con Lazzari in occasione del secondo gol di Empoli ha miscelato grande rapidità di esecuzione nei congegni tattici introdotti da Sarri.

OPZIONI

—  

L’arrivo di Basic prospetta nuove soluzioni a centrocampo. Il croato, che come caratteristiche si ricollega a Milinkovic, sembra indirizzato sulla fascia sinistra nell’ipotesi di Luis Alberto da trequartista. In quel caso la mediana con l’ex Bordeaux e il Sergente nel motore avrebbe una superiore forza propulsiva.

TORNARE IN CHAMPIONS

—  

Di sicuro, Milinkovic, giunto alla settima stagione in biancoceleste, sta crescendo sempre più da leader. Con una meta indicata senza mezzi dallo stesso Sergente: “Tornare in Champions”.

Precedente Samp e Real, l'Inter si fa in tre. Inzaghi pronto a cambiare pelle alla sua squadra Successivo Toro, Juric lavora sulla fase difensiva: Zima è da inserire

Lascia un commento