Milano-Sanremo, la Classicissima di primavera (sabato 16 marzo). È la prima Monumento della stagione ciclistica

Ci siamo. Su il sipario. Va in scena la Milano-Sanremo, la “Classicissima di Primavera”, la prima delle cinque Monumento della stagione ciclistica (sabato 16 marzo, edizione n.115). Seguiranno Fiandre, Roubaix, Liegi, Lombardia. Corsa di un giorno; splendida fusione di storia, ambiente, cultura. È anche una festa popolare che ha contribuito – e contribuisce – ad alimentare la leggenda e l’epica del ciclismo. Tappone di 288 km con varie insidie.

PERCORSO CON MOLTE DIFFICOLTÀ

Partenza da Pavia e via verso Stradella, Voghera, Tortona, Ovada. E dopo 138 km c’è la prima vera difficoltà: il Passo del Turchino che immette in Liguria a Voltri. Quindi Varazze, Savona, Spotorno, Albenga, Alassio. Poi si presentano, dopo 236 km, i tre Capi: Mele, Cervo, Berta. E dopo Imperia la mitica Cipressa. Discesa fino ad Arma di Taggia e poi gran finale con il Poggio nei 10 km conclusivi. Spesso il punto chiave della corsa in virtù delle sue 30 curve, 4 tornanti e una pendenza dal 4 all’8%. Quindi l’arrivo in via Roma, cuore di Sanremo.

I FAVORITI, POGACAR E VAN DER POEL

L’Italia punta su Filippo Ganna, Jonathan Milan e Alberto Bettiol, quest’ultimo fresco vincitore in settimana della Milano-Torino. Occhio soprattutto ai velocisti. Con il gigante di Tolmezzo sono da tenere d’occhio il belga Philipsen, l’olandese Kooij, il danese Pedersen, il francese Laporte e il norvegese Kristoff. Ma soprattutto la corsa, sulla carta, è un affare a due. Un duello Pogacar e il fenomeno olandese Van Der Poel che in Riviera nel 2023 ha vinto davanti a Ganna, Van Aert e Pogacar. Mathieu si ripresenta al via da campione del mondo senza però competizioni nelle gambe, come nel 2022 quando arrivò terzo. Pogacar, 25 anni, il corridore più pagato al mondo (6 milioni di euro all’anno) e in gran spolvero come si è visto quest’anno alle Strade Bianche di Siena dove ha dominato con una fuga straordinaria. È il n. 1 della classifica mondiale e ha già conquistato 64 successi tra cui 5 Classiche Monumento e 2 Tour de France. Lo sloveno e l’olandese sono le stelle della corsa. Sono i favoriti per la vittoria finale.

DOVE IN TV

La corsa sarà trasmessa in diretta su Rai Sport HD, Rai2 ed Eurosport; in diretta streaming su Discovery+, SkyGo, NowTv, DAZN e Rai Play. Partenza prevista alle ore 10. Arrivo previsto intorno alle 17.

Precedente Le pagelle di Scamacca: ha voglia di spaccare il mondo. Gol da centravanti vero Successivo Europa League dimensione del calcio italiano, dal prossimo anno 5 squadre in Champions: uno spreco?

Lascia un commento