Milan, riecco Romagnoli. Juve con Chiesa e Morata. Inter, Eriksen in panchina

Rossoneri con Tomori tra le riserve, Conte dà fiducia a Darmian. Roma a Marassi senza mezza squadra

1 maggio – Milano

La serie A entra nel rush finale: le ultime 5 giornate saranno decisive soprattutto per la zona Champions e per determinare la terza retrocessione. Oltre che per i destini di molte fantaleghe. Il 34° turno si apre oggi: in campo alle 15 Verona e Spezia, seguite da Crotone-Inter alle 18 e da Milan-Benevento alle 20.45. Domani altre 6 partite, con Udinese-Juventus alle 18 e il posticipo delle 20.45 tra Sampdoria e Roma. Chiusura affidata al Monday night tra Torino e Parma. Le ultime dai campi.

VERONA-SPEZIA (oggi, ore 15)

—  

Verona: la squalifica di Ceccherini potrebbe portare a una difesa Dawidowicz-Magnani-Dimarco, con la coppia Sturaro-Ilic in mezzo (affaticamento per Tameze, va in panchina insieme al rientrante Veloso). In attacco Kalinic è favorito su Lasagna.
Spezia: Nzola non segna da gennaio, ma ci sarà lui al centro dell’attacco, anche se Piccoli scalpita. Ai suoi lati Agudelo e Gyasi. Si giocano una maglia da titolare Ferrer e Vignali (con il primo favorito), Leo Sena e Ricci (quest’ultimo potrebbe entrare a gara in corso).

CROTONE-INTER (oggi, ore 18)

—  

Crotone: Cosmi non dovrebbe snaturare l’assetto con Messias a sostegno di Ounas e Simy. A centrocampo dubbio Cigarini-Petriccione, con il primo che parte avanti. Benali dal 1’. In difesa favoriti Magallan, Golemic e Djidji.
Inter: a pochi passi dallo scudetto, Conte pensa a ritocchi minimi sulla formazione che lo ha portato fin qui. A centrocampo Sensi è favorito su Eriksen, mentre a sinistra potrebbe essere trovare ancora spazio Darmian a scapito di Perisic.

MILAN-BENEVENTO (oggi, ore 20.45)

—  

Milan: ottime notizie per Pioli, che ritrova Ibrahimovic e gli restituisce subito la maglia da titolare. Alle sue spalle Saelemaekers, Calhanoglu e Leao. In difesa Romagnoli potrebbe giocare al posto di Tomori, mentre Calabria recupera e sarà il terzino destro. Nel mezzo staffetta Bennacer (favorito) – Meite.
Benevento: Pippo Inzaghi ha ancora dei dubbi da sciogliere: Schiattarella contende il posto a Viola, comunque favoritissimo, e Dabo insidia Hetemaj. In avanti, possibile il ripescaggio di Caprari, titolare con Iago Falque alle spalle di Lapadula.

LAZIO-GENOA (domani, ore 12.30)

—  

Lazio: Inzaghi punta su Hoedt come sostituto dello squalificato Acerbi, con Lazzari e Lulic (nettamente favorito su Fares) esterni. Conferma per Correa accanto a Immobile dopo la partitona contro il Milan. Out Caicedo.
Genoa: Radovanovic torna dalla squalifica e completa la difesa insieme a Masiello e a Goldaniga, sostituto dell’infortunato Criscito. In avanti, squalificato Pandev, è Scamacca il favorito accanto a Destro, ma Shomodurov non si arrende.

BOLOGNA-FIORENTINA (domani, ore 15)

—  

Bologna: con Schouten squalificato e Dominguez infortunato, sarà Poli il partner di Svanberg in mezzo al campo. Tomiyasu recupera e dovrebbe partire titolare a sinistra, con De Silvestri a destra. Sansone verso il forfait, a destra più Skov Olsen di Orsolini.
Fiorentina: con il rientro di Bonaventura a centrocampo, Amrabat viene confermato dopo l’ottima prova con la Juve (in vantaggio lui su Pulgar). Caceres completa il trio di difesa con Milenkovic e Pezzella. Sugli esterni ci saranno ancora Venuti e Igor (quest’ultimo in ballottaggio con Biraghi). Coppia d’attacco Vlahovic-Ribery.

NAPOLI-CAGLIARI (domani, ore 15)

—  

Napoli: Lobotka colto da una leggera influenza ha ricominciato ad allenarsi a parte e non si sa se recupererà. Per il resto i dubbi di Gattuso sono più tattici nei ballottaggi sull’esterno sinistro basso, su quello destro alto e sul centravanti. Mario Rui favorito su Hysaj, Osimhen su Mertens e Politano su Lozano.
Cagliari: staffetta di squalificati in mezzo per Semplici. Torna disponibile Nainggolan, ma per lo stesso motivo non è a disposizione Marin. Pavoletti affianca Joao Pedro in attacco. Torna Cragno dopo la positività al Covid: il portiere sta facendo il percorso di visite mediche classiche in queste ore, i tempi sono stretti e Semplici potrebbe ancora una volta preferirgli Vicario, dipenderà dagli ultimi allenamenti.

SASSUOLO-ATALANTA (domani, ore 15)

—  

Sassuolo: non ce la fa Caputo, che non sarà neanche in panchina. Recupera, invece, Raspadori ma la punta sarà Defrel. La buona notizia è il rientro di Djuricic: gli fa spazio Traore. In difesa, sulla destra, Muldur avanti su Toljan.
Atalanta: ritorna Gosens dalla squalifica e Djimsiti torna nel suo consueto ruolo di centrale con Palomino in panchina e Toloi a destra nella difesa a tre. Hateboer titolare a destra. Davanti dovrebbero iniziare Malinovskyi (in stato di grazia), Zapata e uno tra Pessina e Muriel. Panchina per Ilicic.

UDINESE-JUVENTUS (domani, ore 18)

—  

Udinese: pesantissima l’assenza dello squalificato Musso, in porta va Scuffet. Gotti dovrebbe coprirsi con Okaka unica punta, sostenuto da Pereyra con De Paul che agirà da interno di centrocampo. Molina in vantaggio su Zeegelaar come esterno, stesso discorso per Becao su Samir.
Juventus: Chiesa recupera e partirà subito titolare. Sta meglio anche Danilo, ci sarà lui a destra nelle retrovie, mentre a sinistra ecco Alex Sandro. Dubbio al centro della difesa, dove De Ligt è favorito su Bonucci. In mezzo il ballottaggio è fra Arthur e Rabiot, con il primo più avanti. Davanti, accanto a Cristiano Ronaldo, tocca a Morata.

SAMPDORIA-ROMA (domani, ore 20.45)

—  

Sampdoria: Quagliarella sta meglio e dovrebbe riprendere il suo posto da titolare con Gabbiadini. Yoshida o Tonelli accanto a Colley in difesa, migliora Torregrossa che però a differenza di Ramirez non dovrebbe essere convocato. Damsgaard e Ekdal in vantaggio su Candreva e Silva.
Roma: (zuc) “Non so neanche chi avrò a disposizione per la prossima partita”, ha detto Fonseca dopo la pesante sconfitta contro il Manchester United. Pau Lopez lussazione alla spalla, out almeno due settimane. Spinazzola (flessore sinistro) e Veretout (flessore destro) assenti sicuramente contro la Samp, il Manchester e il Crotone. Per Smalling solo stanchezza, almeno per la panchina dovrebbe esserci. Ancora assenti Pedro, El Shaarawy, Zaniolo e Calafiori. Davanti Perez e Mayoral, possibile staffetta Pellegrini-Mkhitaryan.

TORINO-PARMA (lunedì, ore 20.45)

Torino: Nicola ha due assenze pesanti a centrocampo per squalifica, con Mandragora e Verdi fermati per un turno. Lukic in vantaggio su Linetty, Baselli davanti rispetto a Gojak (e anche nel ballottaggio con Zaza). Più certezze negli altri reparti, con la coppia d’attacco Sanabria-Belotti.

Parma: alla lunghissima lista degli indisponibili si sono aggiunti Mihaila, Man e Karamoh, la cui stagione potrebbe già essere finita. In attacco tridente formato da Gervinho, Cornelius e Traorè (panchina per Pellé). Kucka recupera ma dovrebbe andare in panchina: a centrocampo ci saranno Hernani e Kurtic ai lati di Brugman.

Precedente Rodaggio finito, Dybala arma in più per il finale. Anche per accendere CR7 Successivo Pronostici Serie A/ Quote e previsioni per gli anticipi (34^ giornata)

Lascia un commento