Milan, Leao da applausi: è in doppia cifra. Maignan ancora decisivo

Con il decimo gol in campionato ha firmato il successo sulla Fiorentina, la parata su Cabral porta a 15 le gare dei rossoneri senza gol subiti

Il Milan conquista un successo prezioso contro la Fiorentina alimentando i sogni scudetto. Ibrahimovic e soci, vincendo contro la Viola, mantengono due punti di vantaggio sui nerazzurri che hanno risposto a Udine alla vittoria dei cugini rossoneri. Tutto, quindi, ancora da decidere in vetta, ma con un’unica certezza: il tricolore passerà per Milano.

Leao doppia cifra

—  

Maignan (voto 7 – 25 milioni) e Leao (voto 7.5 – 28 milioni) sono i protagonisti assoluti della vittoria del Diavolo. Il portiere francese si conferma un prezioso alleato per il tricolore: ben quindici le gare chiuse con almeno una porta inviolata – su 29 disputate – con interventi prodigiosi annessi. Quello su Cabral è un riflesso portentoso. Preciso nelle uscite, è raro trovare difetti nell’ex Lilla. Squadra francese da cui proveniva nel 2019 anche Leao: il portoghese per la prima volta arriva in doppia cifra in carriera finalizzando il clamoroso regalo di Terracciano e segnando un’altra rete decisiva. Stagione di altissimo livello per l’esterno sinistro, primo calciatore del Milan a raggiungere quota dieci reti in questo torneo. Menzione speciale, infine, per Sandro Tonali (voto 7 – 20 milioni): il match-winner dell’Olimpico, rivitalizzato proprio dalla marcatura della scorsa settimana, offre un contributo importante alla formazione meneghina trascinando la squadra nella parte finale del match con una prestazione di alto temperamento.

Flop in attacco

—  

Ancora un pomeriggio non semplice per l’attacco rossonero che, Leao a parte, non ha brillantezza nelle scelte finali. Giroud (voto 5,5 – 26 milioni), Diaz (voto 5,5 – 15 milioni) e Messias (voto 5,5 – 20 milioni) deludono le aspettative: il francese sciupa una ghiotta occasione per sbloccare il match; lo spagnolo prosegue nel suo momento ‘no’ che dura, ormai, da oltre cinque mesi. Infine, il brasiliano ex Crotone non riesce mai a creare superiorità numerica con i suoi strappi venendo contenuto bene da Biraghi. Una situazione, dunque, complicata dato che gli interpreti del reparto offensivo del Diavolo fanno fatica a sbloccarsi con digiuni di lungo periodo come nel caso di Diaz (ultima rete a fine settembre!). Con questo successo, il Milan rimane in vetta alla classifica mantenendo due punti di distanza dall’Inter. Il discorso tricolore è ancora tutto da decidere: i rossoneri affronteranno il Verona nel prossimo turno con l’Inter che giocherà venerdì pomeriggio contro l’Empoli e potrà, quindi, mettere pressione ai rivali disputando la sfida con due giorni d’anticipo.

Precedente Psg, Mbappé punta a entrare nella storia della Ligue1 Successivo Inter, Barella rassicura i tifosi: "Sto bene". Bastoni ci prova per l'Empoli

Lascia un commento