Milan, Giroud: il derby la carica giusta per la Champions

MILANO – Le premesse per colpire anche in Champions League ci sono tutte: un Giroud in formato europeo, con la maglia rossonera, è atteso già stasera. Sperando di sbloccarsi anche oltre confine. Consolidata l’abitudine di un gol nel derby, adesso il mirino è puntato sul Salisburgo. Con il peso dell’attacco caricato rigorosamente su Olivier. Estraneo all’esultanza l’anno scorso, quando il Milan abbandonava il girone come fanalino di coda e il francese non rendeva fede allo status di campione d’Europa col quale si era presentato al Milan. A proposito, tra un mese esatto sarà pure il momento di tornare a Stamford Bridge. Ma questa è un’altra storia. Il Giroud di stasera in Austria è un bomber caricato a pallettoni. Tornato a macinare gol con una certa continuità. 

Show di Leao, doppietta ed assist: il Milan batte l'Inter 3-2

Guarda la gallery

Show di Leao, doppietta ed assist: il Milan batte l’Inter 3-2

Senza indugi 

I suoi due anni fa, quando con il Chelsea sollevava al cielo la Champions, erano stati sei in otto partite. Una media che Pioli sogna di avere con sé a partire da oggi, tornando al Giroud spietato che ha annichilito l’Inter sabato. Lui e Origi, presumibilmente, si daranno il cambio anche a Salisburgo nel battesimo del girone. Uno ha trascinato il Milan allo scudetto, l’altro era sulla scena – con gol annesso, da avversario – dell’ultima partita rossonera di Champions lo scorso dicembre. Un Giroud tirato a lucido, abituato del resto a garantire peso specifico, è quel che serve per tenere lontano il rivale più diretto nella corsa ai primi due posti del gruppo E. Fare la voce grossa contro i campioni d’Austria, potrebbe valere una buona fetta di qualificazione. All’interno di una serata che il Milan dovrà semplificarsi anche grazie alla facilità realizzativa acquisita finora. Dieci gol in cinque partite di campionato: il biglietto da visita di Pioli verso l’Europa è già di tutto rispetto. E Giroud intende ritrovare il gol in trasferta molto prima rispetto a quanto successo l’anno scorso. In quel caso si dovette attendere il mese di febbraio, stasera il francese non vorrà indugiare. 

Salisburgo-Milan, Pioli: “L’anno scorso loro imbattuti in casa”

Champions League, le probabili formazioni della prima giornata

Guarda la gallery

Champions League, le probabili formazioni della prima giornata

Aria nuova

Per il resto, l’arbitro di stasera – il serbo Jovanovic – è lo stesso che diresse il Milan in un altro debutto internazionale. Molto meno glamour, però, perché si trattava di un esordio di Europa League in Lussemburgo contro il Dudelange. Quattro anni dopo, sulla maglia rossonera c’è uno scudetto: il ricordo di un Milan sbattuto alla periferia d’Europa è decisamente sbiadito col tempo.

Calabria: "De Ketelaere talento, Origi che forza!"

Guarda il video

Calabria: “De Ketelaere talento, Origi che forza!”

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Il discorso di Mourinho alla squadra: così ha chiesto il riscatto alla Roma Successivo DIRETTA/ Italia Francia (risultato 11-6) streaming video Rai: dominio azzurro!

Lascia un commento