Milan, colpo Messias last minute. Pioli ha il suo nuovo trequartista

Accordo nella notte: prestito con diritto di riscatto fissato tra i 5 e i 6 milioni. Il brasiliano era la stella dei campionati Uisp, ora punta ad Anfield

Vita stravolta in 5 parole: “Tu qui non puoi stare”. E infatti ora sarà protagonista con il Milan. Prestito con diritto di riscatto fissato tra i 5 e i 6 milioni. Junior Messias era la stella dei campionati Uisp, si divideva tra il campetto e il lavoro. Di giorno consegnava frigoriferi, di sera segnava a raffica con gli amici. Ezio Rossi, bandiera del Toro, lo notò per caso grazie a un amico e poi lo portò al Casale, Eccellenza. “Gli feci firmare un contratto da 1500 euro al mese, avrebbe pensato solo al calcio. Lo portavo in macchina da Torino”. Il resto è storia nota. Ora giocherà in Champions, ha già puntato Liverpool-Milan del 15 settembre. Ad Anfield.

DOVE GIOCA

—  

Pioli ha il suo nuovo trequartista. Junior Messias, 30 anni, brasiliano di Belo Horizonte col vizio del dribbling. L’anno scorso è stato la rivelazione della Serie A con 9 gol, la stagione prima ha conquistato la promozione dalla B con il Crotone. Può giocare sia a destra sia in mezzo, come 10, anche se Stroppa gli ha fatto fare tutti i ruoli: mezzala, esterno a tutta fascia, seconda punta. Per Cosmi ha “un mancino incredibile”, per Ezio Rossi “l’intelligenza tattica per fare qualsiasi cosa”, per Stroppa “salta l’uomo come pochi”. Un jolly perfetto dal passo veloce: l’anno scorso è stato il secondo giocatore con più dribbling riusciti dopo De Paul (105).

Sfida i migliori fantallenatori al fantacampionato Nazionale di Magic Gazzetta, la classifica generale parte il 25 settembre! In palio un montepremi da 260.000€.Attivati ora!

CHE SCALATA

—  

Prima di sbarcare tra i professionisti ci ha messo un po’. Dopo aver lavorato per 4 anni come fattorino ha segnato i primi gol a Casale con Ezio Rossi, annata 2015/16, 21 schiaffi in Eccellenza. Poi ha giocato due anni in Serie D tra Chieri e Gozzano, dove ha conquistato la promozione in C nel 2018 siglando 5 reti. Il Crotone di Ursino l’ha portato in Calabria nel 2019 e l’ha valorizzato partita dopo partita, prima di salutarlo con orgoglio. Intercettato ad affare concluso, il “pres” Raffaele Vrenna ne ha parlato come di un figliol prodigo che lascia: “Conosciamo le sue qualità, ora sarà il campo a parlare”. Fin qui è sempre andata bene.

Precedente Ibra, Crespo, Nesta... i colpi dell'ultima giornata che hanno fatto la storia del mercato Successivo Juve, preso Ihattaren dal Psv: andrà in prestito alla Sampdoria

Lascia un commento