Milan bello, in crescita e secondo… senza i centravanti

I rossoneri sono dietro al Napoli con già tre scontri diretti alle spalle (Lazio, Juve e Atalanta) e rispetto alle altre big hanno giocato senza i loro numeri 9. Dove potranno arrivare con Ibra e Giroud?

È stato presentato, giustamente, come il campionato degli allenatori. Grandi novità e grandi ritorni. È diventato, dopo le prime giornate, anche il campionato degli attaccanti. Dzeko si è subito inserito nell’Inter di Inzaghi e 6 gol rappresentano un bottino davvero invidiabile. Il Napoli è legittimamente in testa con la ritrovata vena di Koulibaly, l’apporto fondamentale di una diga come Anguissa e soprattutto con la forza travolgente di Osimhen. Vlahovic si sta confermando nella “nuova” Fiorentina e Immobile, con le sue 6 reti, sta cercando faticosamente di tenere in quota la Lazio e si è visto a Bologna quanto sia pesante la sua assenza.

Precedente Bagni, orizzonti di gloria: "Squadra e Spalletti sono forti, forse è l'anno buono" Successivo Spagna, Luis Enrique apre al ritorno di tre giocatori di Serie A

Lascia un commento