Milan, allarme Giroud: stop per l’influenza, Tottenham a rischio

Il centravanti non è neppure andato a Milanello. Probabile che Pioli lo porti comunque a Londra nella speranza che recuperi in extremis

C’è un punto di domanda grande così al centro dell’attacco del Milan per la sfida di mercoledì al Tottenham nel ritorno degli ottavi di Champions: Olivier Giroud oggi non si è allenato a causa di un attacco influenzale e la sua presenza nella partita di Londra è in dubbio. La speranza è che il centravanti francese possa recuperare per l’allenamento di domattina a Milanello, l’ultimo prima della partenza per l’Inghilterra, prevista nel pomeriggio.

Giroud ha avvertito i primi problemi già domenica e oggi non si è presentato al centro sportivo rossonero. Le sue condizioni sono in ripresa ma non è detto che riesca a partecipare alla sessione di domattina. In ogni caso Pioli potrebbe decidere di portarlo comunque a Londra, e valutare le sue condizioni il giorno della partita: in caso di forfait, sarebbero Rebic, Origi e De Ketelaere a giocarsi il posto da centravanti. L’allarme Giroud si aggiunge al dubbio Brahim Diaz, sempre in attacco: lo spagnolo, che deve smaltire la distorsione che lo ha fermato alla vigilia della trasferta di Firenze, anche oggi si è allenato a parte.

esperienza

—  

Giroud, che non segna dal 10 febbraio scorso (gol partita che ha deciso il match col Torino, primo successo del Milan dopo la serie negativa di gennaio) è una presenza fondamentale per l’attacco di Pioli, specialmente in Champions. Per esperienza e il peso in campo: tra fase a gironi e andata degli ottavi ha segnato 4 gol in 7 presenze, firmando anche due assist.

Precedente Miranchuk pre-convocato dalla Russia: cosa farà il giocatore del Toro? Successivo Giroud e Diaz out? Avanza il duo Rebic-Krunic nel Milan anti-Tottenham

Lascia un commento