Milan, a Verona per cambiare la storia e difendere un record

Il calendario asimmetrico, novità introdotta nella Serie A 2021-’22, si è “preso gioco” del Milan, collocando proprio sul finire della stagione la trasferta di Verona, accompagnata da un’ormai celeberrima, seppur datata, letteratura sfavorevole ai colori rossoneri.

Da “fatale” a decisiva: il Milan vuole cambiare la storia a Verona

Certo a luglio al momento del sorteggio del calendario in pochi all’interno del Milan, tra dirigenza, squadra e tifosi avrebbero potuto immaginare che la gara del “Bentegodi” potesse avere un’importanza fondamentale nella corsa allo scudetto, ma tant’è e quindi l’occasione per sfatare i famosi rovesci del 1973 e del 1990 è più che mai ghiotta.

Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione

Guarda la gallery

Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione

Milan, il sogno scudetto ha messo radici in trasferta

Il calendario che attende i rossoneri negli ultimi 270 minuti del campionato non è agevole, ma grazie agli scontri diretti favorevoli rispetto all’Inter il Milan ha un jolly da giocarsi. Il Diavolo sarebbe campione d’Italia con 7 punti, traguardo tutt’altro che impossibile considerando che gli avversari delle ultime trasferte saranno sì squadre temibili come appunto Verona e Sassuolo, con in mezzo la gara interna contro l’Atalanta, ma anche che il rendimento in trasferta della squadra di Pioli è quasi senza confronti.

Scudetto di legni: dove il Milan è meglio dell'Inter?

Guarda il video

Scudetto di legni: dove il Milan è meglio dell’Inter?

Milan, cinque mesi senza macchia lontano da San Siro

Con 40 punti ottenuti lontano da San Siro, infatti, il Milan guida la speciale classifica alla pari con il Napoli, che ha però disputato una gara in più in trasferta, quella vinta sul campo del Torino nell’anticipo della 36ª giornata. E le buone notizie non finiscono qui perché dopo il ko della Juventus contro il Genoa il Milan è anche diventata la squadra di Serie A con l’imbattibilità esterna più lunga: Maignan e compagni sono caduti solo una volta lontano da casa in campionato, il 20 novembre contro la Fiorentina, mentre l’ultima sconfitta esterna dei bianconeri risaliva al 30 ottobre proprio sul campo del Verona. Dopo il ko del Franchi il Milan è stato un vero e proprio rullo in trasferta, totalizzando sette vittorie e tre pareggi e incassando appena sette gol, gli stessi subiti in tutto il girone di ritorno tra casa e trasferta. Un ruolino da mantenere negli ultimi 180 minuti da giocare lontano da San Siro, sempre che un eventuale passo falso antecedente dell’Inter non chiuda i giochi in anticipo…

Precedente Verona-Milan: Sky o Dazn? Dove vederla in tv e in streaming Successivo Bufera Kulusevski in Inghilterra, il gesto che ha scatenato i tifosi

Lascia un commento