Mezzo secolo di Edmundo, l’artista che prese l’Arno e lo rese mare

Compie 50 anni uno dei talenti più cult di sempre: filantropo, istrionico, indomabile, re del Carnevale, capace di inventare calcio. E quelle notti alla stazione…

Cinquant’anni e il solito sguardo. Impenetrabile, misterioso. Capace di attrarre come una calamita. Alves de Souza Neto, o più semplicemente Edmundo, è un calciatore che è stato amato e odiato. Il suo soprannome “O Animal” è la fotografia del suo calcio. Furioso, istintivo, cattivo. E della sua vita, sempre sul filo del rasoio. Nell’estate del 2011 è stato addirittura arrestato per un incidente stradale che purtroppo lo ha visto protagonista e che è costato la vita a tre persone. Un dolore che lo accompagna come un marchio incancellabile.

Precedente Juve, Pirlo: "Dybala, McKennie e Arthur non convocati" Successivo Mihajlovic: "Mancini un amico, ma perché convocare Soriano e fargli fare 3 tribune?"

Lascia un commento