Messi vuol chiudere il cerchio: a Barcellona. Ecco i retroscena

TORINO – Come anticipato dalle colonne di questo giornale quasi 6 mesi fa, precisamente il 5 ottobre del 2022, Lionel Messi a luglio sarà un nuovo giocatore del Barcellona. Dopo mesi di trattative sottotraccia e di contatti riservatissimi e ancor più privati, ieri il club culé è uscito allo scoperto per due volte in poche ore. Prima è stata la volta del presidente Rafa Yuste: «Tutte le belle storie necessitano di un finale felice. Siamo in contatto con Lio e con il suo entourage e tutti loro sanno quanto desideriamo ardentemente il suo ritorno», poi è stato il turno del tecnico Xavi: «Il ritorno a casa della Pulga dipende da molti fattori. Certo siamo legati alle regole ferree del Fair Play Finanziario, ma la chiave sarà la volontà del giocatore. Ovviamente amo Lionel, parliamo moltissimo, mi piacerebbe averlo qui con me. Ci auguriamo che torni nel club della sua vita, nella squadra che adora. E’ normale che i tifosi sognino una Last Dance del 10, proprio come accadde nei Chicago Bulls con Michael Jordan».

Messi ritorna al Barcellona, non per soldi

Liofilizzando tutto: il ritorno a casa del crack rosarino è fattibile dal punto di vista meramente economico, dato che il Barcellona la prossima settimana metterà a segno un nuovo pesante prestito di denaro. Lo stipendio di Messi dovrebbe aggirarsi attorno ai 10 milioni di euro a cui va sommata una cifra variabile che sarà garantita dagli sponsor. La settimana prossima è in programma un nuovo incontro tra le parti: il ritorno a casa del Goat prende sempre più corpo, minuto dopo minuto.

Vi spieghiamo perché Messi può tornare al Barcellona

Guarda il video

Vi spieghiamo perché Messi può tornare al Barcellona

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Griglia di partenza Formula 1/ GP Australia 2023: chi farà la pole position? Successivo Buffon e Campagnoli, il calciatore e la soubrette: il primo amore da televisione