Messi sbotta: “C’erano giornalisti che mi trattavano come un fallito”

Quando abbiamo vinto, non potevo crederci. L’ho sognato così tanto che non capivo nemmeno cosa stesse succedendo. Sinceramente mi diverto di più ora quando vedo l’immagine che in quel momento, ero paralizzato. Sapere che non siamo i migliori al mondo è un punto di svolta per noi. Ora quello che vogliamo è crescere come squadra”. Così Lione Messi, in un’intervista telefonica con il canale ESPN, tornando sul successo dello scorso 10 luglio con l’Argentina in Coppa America. La Pulce ha rotto un tabù che con la nazionale durava dall’oro alle Olimpiadi di Pechino del 2008. “Finalmente una vacanza felice dal primo all’ultimo giorno, ho sempre giocato senza raggiungere l’obiettivo e i primi 15 giorni sono stati amari”, ha aggiunto. Poi tuona: “Ci sono stati alcuni giornalisti che mi hanno trattato come un fallito e che mi accusavano di non sentire la maglia. Dobbiamo iniziare riconoscendo che non siamo i migliori al mondo. Non eravamo i peggiori prima e non siamo i migliori adesso”

Messi, parole al miele per Scaloni

Messi, che in questa calda estate ha anche lasciato casa sua, Barcellona, per trasferirsi al Psg, elogia poi il Ct dell’Albiceleste Lionel Scaloni: “Ha un grande merito per tutto questo. È stato lui a prendere la nazionale in un momento difficile, che ha creduto e piano piano ha costruito. Ha sempre saputo quello che voleva. Si fidava dei giocatori, delle persone nuove, dei giovani, sapeva sempre quello che voleva. Siamo cresciuti poco a poco. Dalla Coppa America del 2019 abbiamo fatto un salto, abbiamo iniziato a crescere come nazionale”. Infine, sulla gara di giovedì contro la Bolivia valida per le qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022 commenta: “Stiamo vedendo che è tutto pazzesco, peccato che non possa esserci uno stadio pieno a causa della pandemia. È un momento spettacolare per noi, vogliamo davvero goderci tutto questo. Questa squadra pensa a conquistare i tre punti per continuare a crescere. Tante volte siamo andati vicino a festeggiare un titolo, ora ci siamo riusciti e dobbiamo godercelo”.

Messi trionfa con l'Argentina: delirio albiceleste al Maracanà

Guarda la gallery

Messi trionfa con l’Argentina: delirio albiceleste al Maracanà

Tuttosport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci!

Precedente Bucchi, Boban, i veleni: 1999, quando Milan-Lazio valeva uno scudetto Successivo Franco Ordine: "Lituania facile? Con Ventura non si andò oltre l'1-0 contro Israele"

Lascia un commento