Mercato, sarà un gennaio caldo: ecco sogni, mosse e speranze delle otto grandi

Lunedì apre ufficialmente la sessione invernale: dall’Inter capolista alla Lazio, vediamo quali sono i nomi più gettonati in arrivo e in partenza

1 gennaio – Milano

Ancora qualche ora per smaltire cenoni e panettoni, poi da lunedì riaprirà ufficialmente il mercato del calcio, che terrà banco per un mese (si chiuderà lunedì 31), tra voci, speranze, illusioni. La situazione economica non fa pensare che sarà un mercato da grandi botti. Ma tutte le squadre di A, chi più, che meno, cercheranno di rinforzarsi o, quanto meno, colmare i difetti venuti a galla nella prima parte della stagione. Alcune operazioni sono state già portate a termine, ma saranno ufficializzate lunedì. Proviamo a vedere come si muoveranno le prime 8 della classifica.

INTER

—  

La capolista ha una priorità, trovare una alternativa sulla fascia sinistra, un vice-Perisic, tenendo presente però che si potranno fare soltanto operazioni in prestito. Il nome forte è quello di Lucas Digne, francese dell’Everton, ma c’è da vincere la concorrenza del Chelsea. E prima di affondare il colpo, l’Inter dovrà prima effettuare qualche cessione (in uscita Vecino, Sensi e Kolarov). Le parole di Romelu Lukaku – e tutto il caos che hanno scatenato – non dovrebbero portare a un clamoroso ritorno. Per il ruolo di vice-Brozovic si pensa allo spagnolo Villar, chiuso nella Roma. Senza dimenticare che in questi giorni si potranno gettare le basi per il mercato estivo (il nome caldo è Scamacca).

MILAN

—  

L’infortunio di Kjaer ha da tempo messo in movimento la dirigenza: è la difesa il reparto sul quale bisogna intervenire. Sven Botman del Lilla è l’obiettivo numero uno, è un giovane (classe 2000) affidabile e di prospettiva. Per prenderlo ci vorranno almeno 30 milioni, cifra che anche il Newcastle è disposto a investire (e pure a rilanciare). Con Kessie e Bennacer impegnati in Coppa d’Africa, il centrocampo potrebbe essere in sofferenza, ecco perché si proverà ad anticipare l’arrivo di Yacine Adli dal Bordeaux, acquistato la scorsa estate.

NAPOLI

—  

Anche il Napoli si concentrerà sul potenziamento della difesa, meglio se a costi ridotti. Dopo la partenza di Manolas, serve soprattutto un centrale, poi un’alternativa a Mario Rui per la fascia sinistra. L’affare che sembra più avanzata, quasi in dirittura d’arrivo, è quello che riguarda Axel Tuanzebe, 24enne, inglese di origini congolesi in forza all’Aston Villa (ma il cartellino è del Manchester United). Operazione da 5-600 mila euro per il prestito, con riscatto fissato sotto i venti milioni. E attenzione all’evoluzione del “caso-Insigne”: andrà davvero a Toronto oppure si inserirà qualche grande di A?

ATALANTA

—  

Quella di Percassi è una delle poche società che non ha problemi di soldi e, quindi, ha potuto anticipare i tempi per portare a casa il giocatore che più interessava a Gasperini, un uomo d’attacco che sappia rendere ancora più imprevedibile il gioco dell’Atalanta. L’acquisto di Boga dal Sassuolo è già stato definito prima delle feste e adesso non resterà che cercare eventualmente un difensore che rimpiazzi Lovato, vicino al Cagliari. Piacciono i giovani Gatti (Frosinone) e Viti (Empoli). In uscita Miranchuk (forte l’interesse dello Zenit) e Piccoli (nel mirino del Genoa).

JUVENTUS

—  

La squadra di Allegri, dopo una prima parte di campionato deludente, deve recuperare posizioni in classifica e colmare le lacune emerse. In particolare, la priorità è un attaccante. Vlahovic e Scamacca sono da tempo in cima alla lista dei desideri, ma sono obiettivi non facili da raggiungere. Le alternative possono essere Origi, Milik o Icardi. Ma prima di comprare la Juve dovrà cercare di vendere. Morata partirà o no per Barcellona? Per Arthur si parla del Siviglia. Ramsey potrebbe andare in prestito in prestito in Premier League, Kulusevski e McKennie non sono incedibili, ma partiranno soltanto se arriveranno offerte importanti.

ROMA

—  

Il club deve conciliare due esigenze: regalare a Mourinho un terzino destro e un centrocampista, senza però spese folli. Boubacar Kamara, francese di 22 anni del Marsiglia, ha il contratto che scade a giugno, la Roma potrebbe prenderlo subito scalando i soldi del riscatto di Under (già scattato) e di Pau Lopez (tra una presenza). La metà dei 21 milioni incassati potrebbero essere investiti per Kamara, appunto. C’è da chiudere la trattativa con l’Arsenal per l’esterno inglese Ainsley Maitland-Niles.

FIORENTINA

—  

Dusan Vlahovic non dovrebbe muoversi a gennaio, a meno di improvvisi colpi di scena. La priorità di questo mercato, ossia l’acquisto di un attaccante esterno per completare il reparto, è già stata soddisfatta con l’arrivo di Ikonè dal Lilla. Adesso i dirigenti viola potranno concentrarsi sulla ricerca di una prima punta: con Kokorin in partenza, Italiano ha bisogno di un vice Vlahovic (Nzola?).

LAZIO

—  

Sarri si aspetta un terzino sinistro e un vice-Immobile. Per l’esterno di difesa i nomi più gettonati sono quelli del francese Kurzawa (Psg, possibilmente da prende in prestito) e dell’olandese Van Aanholt (Galatasaray). Per l’attacco si punta al tedesco Burkardt, a Lasagna e Kalinic del Verona.

Precedente Un 2022 di rinnovi: Leao il primo, poi Theo e Bennacer. Romagnoli riflette e Tonali... Successivo Spalletti, c'è il difensore: alle battute finali la trattativa per Tuanzebe

Lascia un commento