Mbappé e il naso rotto: “Cosa ho pensato guardandomi allo specchio”

Sorridente a autoironico. Kyliane Mbappé è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Francia-Belgio, valida per gli ottavi di finale di Euro 2024. Inevitabile tornare a parlare del suo infortunio al naso contro l’Austria: “Non ci ho pensato molto in quel momento. Non sentivo che il mio naso fosse rotto. È stato quando ho visto l’espressione sul volto del loro portiere che ho capito che qualcosa non andava. Mi sono visto allo specchio e penso che sia stata una cattiva idea”.

Mbappé e il naso rotto: “Giocare con una maschera è un orrore assoluto”

Mbappé ha poi aggiunto: “Quando giochi con il naso rotto e non ti fai operare diventi un bersaglio. Sapevo in cosa mi stavo cacciando. Non è una situazione nuova, posso sopportare i colpi, sono pronto a dare qualsiasi cosa per questa maglia, per me va bene. Giocare con una maschera è un orrore assoluto. Ho cambiato maschera perché ogni volta qualcosa andava storto. È complicato perché limita la visione, il sudore rimane bloccato. Avevo l’impressione di essere in 3D, che non stessi giocando lì con loro”.

Mbappé, il Belgio di Lukaku e il gruppo WhatsApp del Real Madrid

Sotto col Belgio di Lukaku: “Una buona squadra, che ha perso giocatori importanti ma i giovani hanno fame e sono sempre una minaccia. Siamo molto emozionati di giocare questa partita partita. Il mio Europeo non è iniziato come volevo. Sono qui e voglio aiutare la squadra a vincere l’unico trofeo che non ho vinto la selezione. Il rapporto con Thuram? Non sta a lui adattarsi a me. Sono io a dovermi adattare. Lo conosco bene, è più facile capire cosa preferisce”. In chiusura una battuta sul Real Madrid: “No, non sono ancora nel gruppo WhatsApp. Non dovrebbe mancare molto, non ho parlato con Cortouis. Per fortuna non c’è, con lui sarebbe stata più dura”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Inghilterra ai quarti grazie a Bellingham e Kane: Slovacchia di Calzona ko ai supplementari Successivo Dybala, l'addio al nubilato di Oriana Sabatini: il suocero è in lacrime

Lascia un commento