Mazzoleni, ora basta: rovina Fiorentina-Genoa e si merita 3 in pagella!

Da oggi in poi – ma speriamo che Rocchi lo tenga lontano da Lissone per parecchio tempo – lo chiameremo protocollo Mazzoleni. Regole tutte sue, margini di intervento tutti suoi, linea di condotta tutta sua. Non gli bastava lo sfacio di Lecce-Empoli, con una OFR insensata, fuori procedura e fuori protocollo. No, ieri ha messo becco anche su una trattenuta che l’esordiente Di Marco (poveraccio, non gli bastava il caso “locale e gin” prima di Cosenza-Modena ad agosto) e non l’ha chiamato per un evidente braccio largo di Haps (in contatto con Kouame) in area del Genoa. L’esordio di Di Marco? Bene sul rigore su Ekuban, sul gol annullato a Belotti impossibile da vedere. Il resto… Recupero: 11’ (3’+8’)

Come era la storia che sulle trattenute decide l’arbitro? Diciamo che il corpo a corpo fra Kayode e Retegui sarebbe stato «nulla», ma se l’arbitro ravvede profili di punibilità (ed è Kayode il primo a mettere le mani sull’avversario), il VAR deve restare muto. Anche qui come a Lecce: dove è l’evidenza per ribaltare una decisione del campo?


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Gasperini strega Napoli: De Laurentiis vuole soffiarlo all'Atalanta Successivo Lazio, enigma Guendouzi tra polpaccio e discussioni con Tudor