Mazzarri attacca: “Siamo in emergenza, ma nelle ultime partite ci hanno penalizzato”

Le parole del tecnico in vista del match con l’Atalanta in programma domani alle 20.45

Le parole del tecnico in vista della gara con l’Atalanta, ultima gara prima della sosta legata alle qualificazioni dei mondiali che porterà le squadre a fare a meno dei giocatori chiave:

“Ci sono parecchi giocatori non al top, mi affido ai ragazzi giovani che hanno dimostrato di potercela fare. In questi casi dove purtroppo non facciamo punti, non bisogna fossilizzarsi sulla partita persa. In questi casi ci si deve concentrare sulla prestazione. Le ultime tre gare sono state 3 sconfitte ma vanno lette diversamente perché la prestazione non è mancata.  Al di là degli episodi decisi dal Var, quando la prestazione non è il massimo è inutile attaccarsi agli episodi. Con la Fiorentina abbiamo meritato di perdere ma con la Roma avremmo meritato almeno un punto. Il rigore non concesso ci ha fatto perdere strada. A livello psicologico ci sarebbe servito. Troppi episodi hanno deciso il nostro lavoro. Con questo non dico che non abbiamo commesso errori però l’episodio cambia il risultato.  Il Cagliari è ultimo anche per via di tutte queste situazioni, gli arbitri devono applicare il regolamento e chiamare il Var quando gli episodi non sono chiari.

Siamo cresciuti nella fase difensiva, purtroppo abbiamo pagato i nostri errori. Col Bologna abbiamo sbagliato le ripartenze, però davamo la sensazione di poter far male. Ho fatto dei cambi forti sbilanciando la squadra in difesa, abbiamo avuto una reazione importante. Ci sono stati dei miglioramenti. Nello specifico questi ragazzi vengono recuperati senza allenamenti, ci sono diverse assenze in vari ruoli. Ogni volta faccio la conta di chi manca. Nandez, Marin e Deiola? Spero che il primo sia bene perché è un po’ acciaccato. Mi auguro si riesca a fare un gioco aggressivo anche se la condizione atletica non è ottimale. Mi piacerebbe almeno per 20 minuti aggredire l’avversario nella sua metà campo. Se non accade è perché ci sono tutte queste situazioni a cui stiamo facendo fronte. Chiaramente ci assumiamo tutti le nostre responsabilità.

Sapevo che non sarebbe stata una situazione facile. Avrei sperato di non avere tanti infortuni in squadra e mi dispiace. Avrei voluto fare maggiori punti, abbiamo buttato punti vedi la partita col Venezia. In queste ultime due partite avremmo meritato di più. Inoltre ci sono stati degli episodi sottovalutati. Di certo noi dobbiamo lavorare sulla prestazione e recuperare giocatori importanti per dare una identità chiara alla squadra.

Quando arrivai al Napoli in corsa avevo a disposizione tutta la rosa. Ad oggi mi ritrovo sempre a contare i giocatori disponibili, adesso ci sarà la sosta nazionale. Vedremo chi resta, probabilmente Keita non partirà. Sono comunque poche le volte in cui ho avuto la rosa al completo. Se noi siamo in emergenza continua non è facile costruire la gara, tutte le settimane c’è un problema. Oggi mi renderò conto osservando gli allenamenti. E’ una difficoltà oggettiva, sono dati valutabili. Questo ovviamente non vuol dire che non cercheremo di fare gara domani.  Spero che il nostro pubblico ci carichi come è successo nella gara con la Roma”.

Precedente Eleven e Lega Pro, arriva "Diletta PRO" Successivo Spezia, Motta: "Dobbiamo sempre attaccare. Potrei cambiare modulo"

Lascia un commento