Matthaus attacca Guardiola: “Ha rubato la Champions al City e ai suoi tifosi”

Il tedesco: “Errore imperdonabile stravolgere la squadra e fare esperimenti in una finale. Ora deve ascoltare e accettare le critiche”

Un errore ingiustificabile. Così Lothar Matthäus ha commentato la scelta di Pep Guardiola di rimodellare la squadra, cambiando tattica, proprio in occasione della finale di Champions Leaguecontro il Chelsea. I Citizens hanno finito il campionato con 19 punti di vantaggio sui Blues, motivo per il quale, benché in stagione avessero perso due dei tre confronti diretti precedenti a quello di Oporto, erano loro i favoriti.

Alla fine però a trionfare è stato il Chelsea, con il City che resta, anche al termine della quinta stagione sotto la guida di Guardiola, senza il grande trofeo internazionale. Forse anche con qualche responsabilità del tecnico spagnolo.

le critiche

—  

Su Sky Deutschland Matthäus si è detto convinto che la sconfitta del City sia di responsabilità di Guardiola. “Pep e solo Pep ha fatto sì che il Manchester non arrivasse al successo – ha detto l’ex nerazzurro –. Con lo schieramento tattico che ha scelto per la finale ha rubato la Champions a club e tifosi. Ora deve accettare e ascoltare le critiche”. Quello di Guardiola, secondo Matthäus, è un errore grave, incomprensibile a certi livelli. “Fare gli esperimenti in una finale è la cosa peggiore che un allenatore possa fare. È inspiegabile e incomprensibile. Guardiola ha indebolito la squadra perché voleva fare qualcosa di speciale, di sorprendente. In passato già gli era successo, ma in una finale deve mettere in campo i punti di forza della squadra, non deve provare qualcosa di nuovo per far vedere che riesce a fare cose che nessuno ha previsto”. E questo, per Matthäus, a maggior ragione visto il risultato della finale, è un errore ingiustificabile.

Precedente Manchester City, Liam Gallagher risponde agli sfottò... e a Evra! Successivo Ibra, estate tra cure a Milanello e relax in Svezia. Il ginocchio? “Va così così”

Lascia un commento