Martusciello, rivivi le dichiarazioni dopo Frosinone-Lazio


23:50

Cataldi: “I panni sporchi si lavano in casa”

Così Cataldi a Sky: “Sono stati giorni complicati. In quell’abbraccio c’era un ringraziamento per la persona che è, anche a livello personale. In questi due anni e mezzo mi ha aiutato tanto, c’era un ringraziamento che va a lui. Quando ci sono le dimissioni di un allenatore le responsabilità sono di tutti, non ci togliamo dalle nostre responsabilità, penso che le abbiamo, c’è un insieme di problemi quando le cose non vanno. E’ sempre difficile gestire queste situazioni, è stata una settimana complicata. Il fatto che i tifosi se la siano presa con noi è giusto, forse non abbiamo fatto quello che potevamo fare. Ci assumiamo le nostre responsabilità. Non so se ci serviva una scossa, se è stata la scelta giusta perché ce lo dirà il campo. Abbiamo provato a fermare Sarri perché dopo due anni e mezzo di lavoro ci sentivamo di dirgli che le responsabilità sono di tutt ie non doveva pagare la scelta da solo. Abbiamo detto di continuare fino alla fine con noi, qualsiasi sarebbe stato il risultato. Ci ha detto ‘una scossa se si può dare la posso dare solo io e per aiutarvi a far un finale di stagione importante’. Tradimento? Sono state parole forti, io sono cresciuto che i panni sporchi si lavano in casa, le responsabilità sono di tutti e penso sia giusto risolverla internamente. Se me l’aspettavo le dimissioni? Non lo so perché non mi è mai capitato, è stata la prima volta che ho visto un allenatore dimettersi. E’ stata una sorpresa il giorno dopo l’Udinese, non so come rispondere. E’ stata una settimana difficile. Speriamo che sia stata una scossa per il bene della Lazio”.


23:47

Martusciello: “Me ne vado ad Ischia”

“Il mio intento era di accompagnare la squadra a Frosinone. Non ho mai pensato di prendere la Lazio in mano. Io ho dato disponibilità a fare quattro giorni di inferno. Mia moglie non l’ho neanche vista. Il direttore mi ha chiesto di restare e ho accettato. Qui si trattava di tenere in mano la squadra e non altro. Non riesco a capire chi non l’ha capito. Domani me ne vado a Ischia. Ho sempre saputo che non sarei rimasto e che la Lazio avrebbe trovato un altro allenatore”, ha detto Martusciello a Dazn, confermando tra le righe che sta per arrivare Tudor a Formello.


23:44

Martusciello: “Stagione in ricorsa”

“Quello che ha spostato tutto è stato l’inizio del campionato. E poi è stata una rincorsa, si inciampa e non è semplice riprendere il cammino. La Champions League ha tolto tante energie. E poi ci sono stati tanti infortunati, in primis Zaccagni. Il bicchiere è vuoto se si vedendo i risultati, la squadra però deve pensare a portare in alto i colori della Lazio”, ha aggiunto Martusciello a Dazn. 


23:40

Martusciello: “Giorni infernali”

Così Martusciello a Dazn: “Non sapevo dove mettere le mani, sono stati quattro giorni duri, infernali. Ma alla fine è importante che tutto quello che si dice prenda delle pieghe giuste. All’inizio c’era molta paura, si sono viste delle trasmissioni banali non riusciute, si è rischiato di perdere, ma alla fine la vittoria è arrivata. Questa è una squadra che ha superato un turno di Champions, ha vinto contro il Bayern Monaco, ha un valore ma manca nella continuità secondo il mio punto di vista. E’ la cosa manca. Questa roba qui può accadere. C’era quindi bisogno di grande senso di appartenenza. Non so se c’era paura di essere rincorsi a Formello o voglia di rivincita. Questa rosa è composta da bravi ragazzi e professionisti. C’è un gruppo che ha reagito alle avversità. E’ un gruppo che ha creato questo e ha reagito. Non è stata una bella partita, si è visto poco dal punto di vista del bel gioco. Ma c’era paura ed era inevitubaile. In campo ci vanno loro. Io ho solo cercato di semplificare le cose. Spero che la Lazio possa tornare a fare la Lazio. I ragazzi se la godranno questa serata”.  


23:30

Castellanos: “Voglio giocare di più”

“Mi aspetto di giocare un po’ di più, ma la cosa fondamentale è il gruppo”, ha detto Castellanos a Sky. 


23:23

Di Francesco: “Frosinone senza malizia”

E’ deluso Di Francesco, allenatore del Frosinone, che ha parlato ai microfoni di Dazn: “La squadra non è crollata, ci è manca malizia e abbiamo preso due gol su calci piazzati. Abbiamo fretta, c’è la gioventù che vuole fare gol, ma i ragazzi hanno tenuto testa alla Lazio, anche se non siamo riusciti a fargli male perché potevano fare meglio e aver un vantaggio maggiore. Il primo gol non andava preso. E mi fa rabbia. Sono state tante piccole situazioni che non hanno funzionato. Abbiamo preso gol essendo schierati male, tutti sotto palla, da una rimessa laterale. Bisogna alzare l’attenzione. L’allenatore può solo allenare attraverso il lavoro, gli allenamenti. Vedo tante cose buone, al primo tiro in porta però prendiamo gol. Se la Lazio avesse segnato per merito suo dico “bravi”, ma questi sono gol assurdi. Mi toglierei tanto del mio per portare a casa punti, anche mettermi a sei dietro, ma non credo che questa possa essere la strada giusta. Putroppo si parla del risultato nel nostro mondo e non del gioco. Questo mi fa male”.     


23:14

Lazio, attesa per Tudor

Il nuovo allenatore della Lazio è stato individuato: si tratta di Igor Tudor. Lunedì è atteso a Formello. LEGGI TUTTO


23:03

Castellanos: “Il merito è di tutti”

“Questa partita andava vinta per noi e tutti i tifosi. La vittoria è merito di tutta la squadra. Sono felice. L’abbraccio dopo il gol? Bello, siamo contenti, mentalmente non era semplice. La squadra ha dato il massimo fino all’ultimo minuto. Stiamo bene insieme. Il Frosinone è un grande rivale”, ha detto Castellanos, autore di una doppietta decisiva, a Dazn. 


22:49

Rinascita Lazio

Serata da tre punti per la Lazio dopo quattro sconfitte di fila. La squadra biancoceleste sale a quota 43 punti, all’ottavo posto, insieme alla Fiorentina. 


22:45

Frosinone-Lazio, i dati

La cronaca, il tabellino e le statistiche di Frosinone-Lazio. APPROFONDISCI


22:43

Martusciello fa chiarezza

Il nuovo allenatore della Lazio ha parlato dell’addio di Sarri prima del match di Frosinone. LEGGI TUTTO



Precedente Liga, Girona piegato di misura dal Getafe. Athletic Bilbao al quarto posto Successivo Esonero in Serie A: torna subito l’ex campione del Mondo