Marotta: “Inzaghi è il leader della squadra. Frattesi? È appena arrivato, ci sarà spazio”

Le dichiarazioni del dirigente nerazzurro ai microfoni di Dazn a pochi minuti dal fischio d’inizio di Inter-Milan

A pochi minuti dal fischio d’inizio di Inter-Milan, Beppe Marotta ha parlato della gara ai microfoni di Dazn. Queste le dichiarazioni del dirigente nerazzurro: “C’è la consapevolezza di essere una società che deve competere con le ambizioni sapendo che deve recitare un ruolo da protagonista. L’ambizione non è arroganza ma grande orgoglio. Lavoriamo insieme da 3 anni con Inzaghi e ci sono più certezze, più affiatamento”.

“Sono vantaggi e tesoro che dobbiamo sfruttare. Inzaghi è molto giovane, normale che l’esperienza ed essersi adattato in una realtà diversa dalla Lazio, gli abbia fatto acquisire tanta competenza, sicurezza e si vedono i risultati. Vedo un Inzaghi in grande miglioramento, è una certezza per quanto riguarda noi, è il leader di questa squadra. E sono le prestazioni, oltre ai risultati, che danno questa certezza. Frattesi? L’Inter partecipa a competizioni importanti e c’è l’obbligo del management di costruire un gruppo che sia altamente competitivo nei rispetti dei parametri economici.” 

“Credo che ci siano titolari e co-titolari. Il gruppo è pronto ad affrontare una stagione che supererà le 50 partite. Ci sarà spazio per tutti, Davide è intelligente, è arrivato adesso. Ci sarà tempo per tutti i giocatori della rosa per dimostrare il proprio valore. La seconda stella? Sicuramente è un obiettivo importante. L’ambizione è un fatto positivo, sia Milan che inter siano da annoverare in quella griglia ristretta che ambiscono alla vittoria del campionato. Noi ci siamo e vogliamo essere protagonisti sicuramente”.

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Inter senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con FC Inter 1908 per scoprire tutte le news di giornata sui nerazzurri in campionato e in Europa.

Precedente Vlahovic post Juve-Lazio: "La scorsa stagione ho sofferto, non trovo alibi" Successivo Per Vlahovic due grandi gol: il film del match