Marotta da Fedez: Alla Juve non ero un protagonista. Ronaldo? Andai via perché…

“Moggi ha detto che l’Inter vince lo scudetto? Mi tocco. Siamo in una fase interlocutoria del campionato”. Sono le parole del Ds dell’Inter Beppe Marotta, che ai microfoni del podcast condotto da FedezWolf-Storie che contano”, si è detto scaramantico sulle sorti della stagione nerazzurra. L’ex Amministratore Delegato della Juve ha inoltre riscostruito il proprio passato, dalla gavetta come magazziniere alla Varese“È stata una grande palestra di vita. Dopo aver assistito agli allenamenti dovevo pulire le scarpe e sgonfiare i palloni”, al campionato in serie cadetta con il Venezia, passando per la promozione in Serie A con la Samp fino all’approdo alla Juve. E ovviamente, il passaggio all’eterna rivale Inter. Ma non sono mancate osservazioni sul futuro del calcio e sui competitor della scena europea.

Marotta e il futuro dei giovani nel calcio

“C‘è stata un’involuzione nel coltivare i giovani. La scuola non supporta la crescita dei nostri figli. Il talento lo hai nel dna, ma ci devono essere anche i bravi maestri“, ha detto il Ds nerazzurro. Se hai un buon maestro, impari a eliminare gli errori. Ma c’è un’altra grande lacuna: la mancanza di strutture, pertanto c’è una grande dispersione“.

Il mercato arabo e la concorenza Usa

Quella araba non è una bolla, perché ha una ricchezza indecifrabile. I soldi non sono tutto, però, applicati a una buona cultura del lavoro e competenza, rendono più facile vincere. Quello americano, invece, è un modello di business particolare”, ha dichiarato Marotta.

Juve e Inter come guardie e ladri: la frase di Allegri spopola sui social

Guarda la gallery

Juve e Inter come guardie e ladri: la frase di Allegri spopola sui social

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Mazzarri: "Kvara? Deve ritrovare la brillantezza che aveva, poi le cose gli verranno naturali" Successivo FA Cup, terminati i replay dei trentaduesimi: anche Everton, Nottingham e Norwich avanti