Mario Rui svela il segreto del Napoli di Spalletti

Undici partite di campionato, dieci vittorie, un solo pareggio (quello con la Roma), trentuno punti e il primato in Serie A condiviso con il Milan, il nuovo Napoli di Spalletti fa paura. Un avvio di stagione straordinario che Mario Rui ha provato a spiegare ai microfoni di Kiss Kiss Napoli: “Il segreto è il lavoro quotidiano, l’aspetto positivo è la nostra unione e l’impegno per costruire il nostro futuro nel migliore dei modi. Spalletti sta dando grande fiducia e consapevolezza a tutti e questo è un aspetto molto importante per l’intera rosa” ha spiegato il terzino azzurro, rimasto a lavorare a Napoli in vista della sfida con il Verona mentre il resto della squadra è partito per Varsavia per la partita di Europa League contro il Legia.

Zielinski gol, Napoli da record: battuta anche la Salernitana

Guarda la gallery

Zielinski gol, Napoli da record: battuta anche la Salernitana

Mario Rui sullo scudetto

“Sicuramente non subire gol è un passo fondamentale per raggiungere traguardi importanti. Riuscire a difendersi bene è poi il passo decisivo per poter vincere le gare. In avanti abbiamo un potenziale di grande qualità che può risolvere sempre le partite in ogni momento” ha aggiunto Mario Rui. Sullo scudetto poi: “Credo che l’Inter sia una grande squadra ed è campione d’Italia. La strada per il campionato è lunga e sicuramente si possono inserire tutte le big del torneo. Superare la quota 91 dell’anno di Sarri? Non so onestamente se sarà possibile. Il campionato è molto equilibrato, però quello che ci auguriamo è un esito migliore come risultato finale rispetto a quella stagione. Noi ce la metteremo tutta per conquistare un traguardo che tutti i nostri tifosi desiderano e sognano, dico solo che daremo il massimo e mi fermo qui. Io mi sento un calciatore fortunato a giocare in questa città e in questa società. Quest’anno abbiamo un gruppo con calciatori che si sacrificano per aiutare gli altri. Questo è un segreto per arrivare in alto”, ha concluso.

Precedente Francia, Rabiot e Theo Hernandez convocati: fuori Veretout Successivo "Il River Plate è strutturato male": Trezeguet si candida vicepresidente

Lascia un commento