Marchisio, retroscena su Thiago Motta in Nazionale: “Già si vedeva quel Dna”

TORINOClaudio Marchisio ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24. Molti gli argomenti trattati: dalla stagione della Juventus all’Italia di Spalletti, passando per i giudizi lusinghieri per due ex compagni di Nazionale come Daniele De Rossi e Thiago Motta. La leggenda bianconera ha detto la sua sul cammino della Juventus tra qualificazione alla prossima Champions League e finale di Coppa Italia alle porte: “È stata un’altra stagione dove fino ad un certo punto, da tifoso, speravo in qualcosa di più che però non è arrivato. Adesso, sempre da tifoso, bisogna pensare al presente, ovvero la Salernitana, per raggiungere l’obiettivo Champions League proprio perché subito dopo ci sarà l’unico trofeo che potrà portare a casa la Juventus, ovvero la Coppa Italia, molto importante per Allegri e la squadra

Marchisio su De Rossi allenatore

Poi l’ex numero 8 bianconero si è soffermato sul percorso in panchina di Daniele De Rossi, ex compagno in Nazionale e di reparto, ora allenatore della Roma: “Avevo già quella sensazione che fosse un allenatore in campo, come Thiago Motta, si vedeva che entrambi erano predisposti per questo percorso. Non mi aspettavo un impatto così forte, merito di quello che ha dentro Daniele. Immagino tutte le energie che sta mettendo e l’ambiente ha visto un impatto importantissimo. A casa sua, nella sua squadra, nella sua città, non era facile subentrare a Mourinho in una stagione del genere ed avere subito questo impatto“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma capitale del pianeta rosso. Entra nel vivo il torneo di tennis al Foro Italico (6-19 maggio) Successivo Pepito Rossi torna a giocare con il Villarreal: il motivo

Lascia un commento