Marca: “Ronaldo quasi fuori dallo United, non basta Ferguson”

MANCHESTER (Inghilterra) – Che Crisitano Ronaldo voglia lasciare il Manchester United è ormai chiaro, eppure il club sta provando fino all’ultimo a trattenere il fenomeno portoghese. Secondo quanto riportato da “Marca”, i Red Devils avrebbero addirittura preparato il tentativo con l’effetto Ferguson, ma questa volta CR7 sembrerebbe deciso ad andare via realmente. Il piano dello United, secondo il quotidiano spagnolo, sarebbe stato legato alla presenza nell’incontro tra società e giocatore del leggendario allenatore scozzese, elemento chiave nel suo acquisto nel 2003 e anche nel suo ritorno la scorsa stagione, e con il quale Cristiano intrattiene un rapporto che va ben oltre quello professionistico. Il piano però non sarebbe andato come previsto.

Bruno Fernandes: "Ronaldo? Mi ha detto che ha problemi familiari"

Guarda il video

Bruno Fernandes: “Ronaldo? Mi ha detto che ha problemi familiari”

La giornata di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo si è recato allo Sports City del Manchester United, accompagnato da Jorge Mendes, con l’intenzione di tenere un incontro chiave con i dirigenti dello United con l’idea di risolvere il suo futuro il prima possibile. Il 37enne portoghese vuole cambiare squadra per giocare in Champions League, ma Erik ten Hag, nuovo allenatore dello United, vorrebbe fargli camiare idea. Ad attendere CR7 c’erano, tra gli altri, Alex Ferguson e Richard Arnold, amministratore delegato del club, ma la situazione di stallo tra le due parti non sembra essere cambiata.

Dalla Spagna: Cristiano Ronaldo si propone all'Atletico Madrid

Guarda il video

Dalla Spagna: Cristiano Ronaldo si propone all’Atletico Madrid

Il mercato di Crisitano Ronaldo

La situazione di Ronaldo nel mercato non è facile. Vuole lasciare lo United per giocare in Champions League e solo pochi club hanno la possibilità di sostenere il suo acqusito e le sue richieste. In questo momento nessuno può garantire che firmerà per l’Atletico Madrid o che non lo farà. Ci sono molte incognite ma anche una realtà: Simeone lo ama e, se ci sono delle condizioni (dallo stipendio più basso alla partenza di alcuni colchoneros) l’operazione non è impossibile. Il sistema che soddisferebbe tutte le parti sarebbe la partenza in prestito e l’estensione del suo attuale contratto dal 2023 al 2024. Ciò consentirebbe a CR7 di giocare un anno in Champions e alle due società di incontrarsi di nuovo la prossima estate.

Precedente Cerezo spegne le voci: "È impossibile che Cristiano Ronaldo venga all'Atletico Madrid" Successivo Rabiot in ritiro con la Juve U23: “Con i miei ragazzi”

Lascia un commento