Maldini poteva giocare contro l'Italia: l'incredibile possibilità del Venezuela

TORINO – Galeotto fu (ed è tuttora) l’amore per Adriana Fossa e la conseguente liason con il Venezuela. Che adesso sogna un Maldini in “Vinotinto”, soprannome della nazionale con la maglia color rosso nebbiolo. Il calcio è, in questa fase storica, davvero l’unica possibilità di orgoglio e felicità per gli abitanti del Paese sudamericano alle prese con una crisi economica e sociale devastante, tanto più che la possibilità di partecipare al Mondiale per la prima volta nella loro storia è stavolta davvero concreta. E per coronare questa impresa, la Federazione vorrebbe arruolare in Nazionale il figlio di Paolo Maldini, Daniel, ora tesserato per il Monza. Un sogno reso tecnicamente possibile appunto dalla nazionalità della mamma di Christian, la modella e imprenditrice venezuelana Adriana Fossa (di origini trevigiane per parte di padre) che sposò Paolo nel 1994 a Cassano D’Adda.

Maldini per il Venezuela

Ora, francamente risulta difficile immaginare che Daniel (autore di uno splendido gol su punizione nell’ultima giornata di campionato), decida di accettare la corte del Venezuela anche perché, chissà, il sogno di far continuare la dinastia dei Maldini anche in azzurro non è per nulla tramontato, come è giusto che sia a 22 anni d’età e, soprattutto, dopo uno splendido gol come quello segnato contro il Cagliari. Più concreta, invece, la speranza di partecipare per la prima volta a una fase finale del Mondiale (quello del 2026 che si giocherà in Usa, Canada e Messico) anche in virtù dell’allargamento delle partecipanti a 48 squadre. Il Venezuela infatti occupa il 4° posto (9 punti in 6 gare) del girone di qualificazione sudamericano alla Coppa del Mondo 2026 a cui si qualificheranno le prime 6 del girone: c’è speranza. E una prima volta sarà anche la sfida di questa sera perché mai l’Italia aveva affrontato la “Vinotinto”. Non sarà comunque un volto sconosciuto quello del capitano, sebbene le ultime notizie non lo diano titolare: Tomas Rincon che in Italia ha giocato con Juventus, Torino, Genoa e Sampdoria. Nella rosa ci sono altri tre giocatori che sono passati dall’Italia: Darwin Machis e Rafael Romo con l’Udinese, Yordan Osorio, ora al Parma in B, Christian Makoun, passato dalla Juventus Next Gen in Serie C e ora in Grecia, all’Anorthosis.

Paolo Maldini presente a Miami

Intanto, in attesa di questa storica “prima volta” i tifosi della Vinotinto sono autorizzati a tenere in caldo il sogno Maldini non foss’altro per un curioso incrocio geografico. Ieri, sulle tribune del palazzetto che ospitava la partita tra Berrettini e Murray. Chissà se è solo un caso o se papà Paolo avrà assunto informazioni venezuelane per conto del figlio…

Italia-Venezuela, curiosità e statistiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Soulé: "Voglio restare alla Juve, ma sarebbe un sogno giocare in Premier" Successivo Paredes e l'aneddoto su un vecchio contratto: c'entra un'automobile

Lascia un commento