Macedonia del Nord-Italia, ecco la quota più alta per chi crede negli Azzurri

I bookmaker puntano sul segno 2, oggetto di una quota maggiorata a 6.00: l’approfondimento

C’è ancora la Macedonia del Nord nel destino della Nazionale. E se in quella triste serata di Palermo, il 24 marzo 2022, si chiuse nel peggiore dei modi il cammino verso i Mondiali del Qatar, stavolta è tempo di iniziare un nuovo percorso: quello targato Luciano Spalletti, all’esordio sulla panchina azzurra, verso Euro 2024. Per i bookmaker l’Italia è favorita. E su Netbet, la quota sul segno 2 (si gioca a Skopje) passa per i nuovi clienti da 1.30 a 6.00. 

COS’È UNA QUOTA MAGGIORATA

—  

Comparando le quote su un evento, spesso può capitare di imbattersi in una quota decisamente più alta della media su un determinato mercato. Si tratta di una quota maggiorata, cioè una tipologia di bonus scommesse che i principali bookmaker creano per attrarre nuovi utenti alla loro piattaforma. In questo caso, se non si ha già un conto Netbet, è possibile aprirne uno e assicurarsi così una quota più alta per il mercato Italia vincente incontro. Generalmente, è richiesto un deposito minimo all’utente. Mentre la puntata massima è definita dall’operatore. È sempre opportuno leggere sul sito dell’operatore le condizioni e i termini associati all’offerta. 

Quote Macedonia-Italia: la comparazione sul segno 2

—  

Al di là del fattore psicologico, la differenza tra i valori in campo resta netta. E per tutti gli operatori l’Italia è nettamente favorita rispetto alla Macedonia del Nord. La vittoria degli azzurri è quotata 1.29 su Betfair, 1.30 su diversi operatori tra i quali Snai, bet365, Goldbet e Better, 1.32 su Betway e Novibet. Come anticipato in apertura, Netbet riserva ai nuovi clienti una quota maggiorata sul segno 2, che passa da 1.30 a 6.00. Questa e altre iniziative sono disponibili nella sezione Quote Promo di Gazzetta Scommesse. 

Precedente Via all'era Spalletti: rifaccia dell'Italia una questione di cuore Successivo Lozano duro sull’esperienza al Napoli: “Dubitavano di me”