Luis Enrique: “Gara perfetta contro un’Italia fortissima. Gavi? Disumano”

Il c.t. spagnolo “vendica” la sconfitta in semifinale agli Europei: “Una delle gare migliori che il calcio internazionale possa offrire. Soddisfatto di aver messo in campo la nostra idea di calcio”

“È stata una gara molto bella, con due squadre che hanno mostrato il loro calcio migliore. Abbiamo insistito sulle nostre qualità, pressando alti e costruendo molte azioni. Ne usciamo contenti, l’Italia è sempre un avversario ostico e ne esce una delle gare migliori che il calcio internazionale può offrire”. Luis Enrique esce soddisfatto dalla serata di San Siro, dopo il 2-1 ai danni degli azzurri in semifinale di Nations League.

LA NOSTRA IDEA DI GIOCO

—  

Una grande impresa, quella della sua Spagna, che interrompe la striscia dell’Italia di 37 risultati utili consecutivi, e lo fa nella cornice del Meazza, in quello stadio fin qui imbattuto per l’Italia in 46 precedenti (32 vittorie e 14 pareggi fino ad oggi). E Luis Enrique elogia il valore della sua squadra: “Noi vogliamo sempre proporre la nostra idea di gioco, facendo la nostra gara contro qualunque avversario. Questa è la nostra chiave. E sempre col giusto atteggiamento. La mia lista di giocatori è lunga, conta 40, 50 giocatori, i ragazzi sono consapevoli del valore di indossare questa maglia”.

GAVI

—  

Fra i protagonisti che hanno più brillato per la giovane età e la poca esperienza raccolta fin qui è sicuramente Gavi, che Luis Enrique elogia nel post partita: “Ho già sottolineato di come si tratti di un giocatore unico: sembra che stia nel cortile di casa sua. Ha una personalità fuori dal comune, è disumano e il suo debutto è stato perfetto: è già il presente e il futuro della Nazionale. Verratti è il suo idolo e lo ha fronteggiato alla grande”.

SODDISFAZIONE

—  

“La soddisfazione più grande è la conquista della finale più che aver interrotto la striscia dei risultati utili. Ripeto, siamo contenti della nostra gara, del nostro gioco e del nostro percorso”. La Spagna affronterà ora la vincitrice fra Belgio e Francia domenica 10 ottobre, a San Siro (calcio d’inizio ore 20.45), con l’Italia impegnata a Torino, all’Allianz Stadium, sempre domenica, ma alle ore 15, per la finale per il terzo posto.

Precedente Luis Enrique: "Bonucci ha detto di non fischiare l'inno della Spagna" Successivo Spagna, Gavi come Maradona e Pelé? I più giovani esordienti in Nazionale

Lascia un commento