Luis Alberto non arriva: “motivi di salute”. Lazio in attesa del certificato

Cessione difficile: la valutazione di Lotito è di 40-50 milioni, lo spagnolo ha un contratto in scadenza 2025. Atletico Madrid e Villarreal tentate. Si tenta la mediazione

C’è tensione. E non è la prima volta. Luis Alberto non si è presentato al raduno della Lazio e non è partito con la squadra per il ritiro di Auronzo (fino al 28). Maurizio Sarri, nuovo tecnico biancoceleste, ne ha parlato nei giorni scorsi in conferenza: “Luis Alberto non ha risposto a una convocazione: è un problema gestionale societario. Dal punto di vista morale, aspetto che arrivi e parli con me e la squadra. E ci deve convincere sui motivi del ritardo. Altrimenti dovrà chiedere scusa”. Dalla polemica sull’aereo della Lazio (e gli stipendi, pagati però sempre regolarmente o perfino in anticipo) fino alle frequenti lamentele per le sostituzioni, non è però la prima volta che fra Luis Alberto e la società c’è tensione. Per questo, per quanto si voglia cercare di ricucire il rapporto, la cessione non si può escludere.

La situazione

—  

Luis Alberto non si è presentato al raduno affermando di dover recuperare ancora qualche giorno di vacanza dello scorso anno. Poi ha informato la società di avere qualche problemino fisico (motivo per il quale a Formello aspettano un certificato medico), posticipando ulteriormente il rientro dalla Spagna. Sui social ha però pubblicato foto e video della festa del trentesimo compleanno della moglie. Per lui la Lazio, forte di un contratto rinnovato un anno fa e in scadenza nel 2025, valuta il giocatore fra i 40 e i 50 milioni. Riuscire, con la crisi economica mondiale, a incassare una cifra così alta per un giocatore che ha una sola presenza in nazionale (datata 2017) è difficile. Sul centrocampista spagnolo ci sono però Atletico Madrid e Villarreal. Se non si dovesse risolvere la situazione internamente (ma è questo l’obiettivo principale della Lazio), si aprirebbero le trattative con i club interessati.

Altri movimenti

—  

La Lazio, bloccata dall’indice di liquidità, non può ancora ufficializzare i nuovi acquisti. C’è un accordo di massima con il centrocampista croato del Bordeaux Basic, ma bisognerà capire anche quale sarà il futuro del club francese (retrocesso d’ufficio per problemi economici). Se dovesse partire Luis Alberto servirebbe inoltre un altro innesto: piace il 21enne Boubacar Kamara del Marsiglia, ma per prenderlo servono circa 15 milioni. Tornerebbe di attualità anche il nome di Ruben Loftus-Cheek, in uscita dal Chelsea. Sarri lo ha già allenato, sarebbe contento di ritrovarlo alla Lazio. Ma l’obiettivo primario resta quello di risolvere i problemi con Luis Alberto. Anche se non è la prima volta che fra lo spagnolo e i biancocelesti c’è tensione…

Precedente Inghilterra, l'orgoglio di Trippier: "Abbiamo dato tutto, torneremo più forti" Successivo Bellerin vuole solo l'Inter: chiede all'Arsenal di andare via

Lascia un commento