L’Olympiacos porta ad Atene… Galliani: è Adrian, il nipote

Dopo l’esperienza a Nottingham, il 20enne centrocampista transitato anche dal settore giovanile del Milan ha trovato casa nella squadra B del club del Pireo

Secondo i media greci Adrian Galliani, nipote dell’ex amministratore delegato del Milan e attuale a.d. del Monza, è ad Atene e si sta allenando sul campo dell’Olympiacos a Rentis. Le impressioni sarebbero buone e quindi dovrebbe unirsi all’Olympiacos B. Adrian, 20 anni, è nato a New York nel 2001 e ha anche nazionalità Italiana. Primi passi nel calcio a 13 anni a Londra, e presto la Reading Youth Academy gli ha offerto la possibilità di accedere a un livello più elevato. Il mondo del pallone gli si è aperto tardi rispetto alla media perché negli Stati Uniti non era così popolare e da bambino giocava a baseball e basket.

Scouting greco

—  

Nel 2015 è entrato nelle giovanili del Milan dove è rimasto per tre anni fin quando non è tornato a New York, entrando a far parte dell’IMG Soccer – un’academy tra le più grandi al mondo. Nella stagione 2019-20 ha fatto parte del Watford U18 e lo scorso ottobre si è stato trasferito al Nottingham Forest U23. E’ proprio durante il suo periodo a Nottingham che lo ha scoperto lo scouting dell’Olympiacos. Poiché il suo contratto è in scadenza a giugno, gli è stato offerto di andare ad Atene con la possibilità di unirsi all’Olympiacos B, squadra appena creata che giocherà nella Super League 2 greca la prossima stagione. La prospettiva è ovviamente poi quella di spiccare un ulteriore salto in prima squadra, reduce dalla vittoria in campionato.

All’estero meno stress

—  

Adrian è un giocatore a proprio agio a giocare in tutti i ruoli di centrocampo, ma recentemente è stato impiegato anche come terzino, nonostante non sia un difensore puro. Chi lo sta valutando racconta che sembra pronto per questo passo, sfruttando anche la giovane età. Giocare fuori dai confini italiani peraltro gli rende probabilmente le cose più facili per lavorare senza stress perché in Grecia è semplicemente Adrian, senza il “carico” di un cognome importante come quello del nonno. Chissà, magari sta arrivando il tempo che un altro Galliani possa diventare famoso.

Precedente Lukaku: "Razzismo nel calcio ai massimi storici". E parla della situazione in Italia Successivo Vlahovic non si tocca. Ribery forse. All in per Oliveira

Lascia un commento