Lokomotiv Mosca-Lazio 0-3: bis di Immobile su rigore e Pedro-gol

Lazio ancora nel segno di Ciro Immobile: il bomber trasforma due rigori nel secondo tempo e trascina i suoi alla vittoria in casa della Lokomotiv Mosca. Sarri conquista così matematicamente il passaggio agli spareggi per gli ottavi, ma ha ancora la possibilità di arrivare al primo posto del gruppo E ottenendo l’accesso diretto; basterà battere il Galatasaray nella prossima, ultima sfida del girone. Fondamentale era sbancare Mosca contro dei padroni di casa che hanno costruito pochissimo e subito tanto, ma comunque resistito fino al 56′, quando una ingenuità di Silyanov su Zaccagni (non vista dall’arbitro ma evidenziata dal Var) ha permesso ad Immobile di portare in vantaggio gli ospiti. Il secondo penalty lo ha conquistato lo stesso bomber che poi ha beffato per la seconda volta il portiere 17enne Khudyakov, autore comunque di ottimi interventi su Pedro ed Acerbi, ai quali ha negato la gioia del gol. Lo spagnolo però si è riscattato al minuto 87, fissando il definitivo 0-3.

Doppio Immobile e Pedro: la Lazio passa il turno di Europa League

Guarda la gallery

Doppio Immobile e Pedro: la Lazio passa il turno di Europa League

Basic sfiora il gol di testa, Rybus salva sulla linea

Pronti, via: all’esterno offensivo Kamano basta meno di un minuto per diventare il primo ammonito del match; l’intervento su Luiz Felipe pecca di foga eccessiva. Padroni di casa subito pericolosi oltre che aggressivi: al 4′ l’ex Roma Jedvaj prova un colpo di testa che finisce non molto lontano dal palo. Al 12′  allo stesso modo Acerbi prova ad impensierire Khudyakov che blocca senza problemi. In meno di un quarto d’ora viene estratto il secondo cartellino giallo per la Lokomotiv: Nenakhov scivola in ritardo e senza motivo su Felipe Anderson. Dopo la terza ammonizione della partita per Zaccagni gli ospiti sfiorano per la prima volta il gol: spizzata di Basic su corner di Luis Alberto e salvataggio sulla linea di Rybus. Al 29′ l’allenatore di casa Gisdol richiama saggiamente in panchina il terzino Nenakhov, già ammonito e più volte a rischio secondo giallo: al suo posto dentro Silyanov. Continuano a scarseggiare le emozioni e a fioccare i cartellini: anche Luis Alberto finisce sul taccuino dell’arbitro Soares Dias. Al 45′ Felipe Anderson ci prova con una conclusione centrale neutralizzata in due tempi dal portiere. L’ultimo brivido prima dell’intervallo è un tocco di braccio in aria di Jedvaj, considerato regolare dal direttore di gara che manda tutti negli spogliatoi.

Doppietta di Immobile su rigore, Pedro firma il tris

Sarri opta per un cambio che si rivela determinante: ad inizio secondo tempo fuori Felipe Anderson e dentro Pedro. Al 52′ Zaccagni viene steso in area dal subentrato Silyanov: l’arbitro in un primo tempo fa continuare il gioco, poi viene richiamato dal Var e torna sui suoi passi, assegnando il penalty ed estraendo il quinto cartellino giallo della partita. Immobile non sbaglia dagli undici metri e firma lo 0-1 spiazzando Khudyakov. Leiva si aggiunge alla lunga lista degli ammoniti: anche per questa ragione Sarri effettua un doppio cambio sostituendo il regista e Luis Alberto con Milinkovic e Cataldi. Il vantaggio apre gli spazi e favorisce gli ospiti che conquistano il secondo calcio di rigore: Barinov aggancia il piede di Immobile in area e permette al bomber biancoceleste di firmare la doppietta dal dischetto al 63′. Quattro minuti più tardi Pedro spreca il tris sbagliando lo scavetto da solo davanti al portiere. Il tempo di sostituire Immobile con Muriqi che al 70′, al termine di un altro contropiede, anche Acerbi fallisce lo 0-3 a tu per tu con il talentuoso Khudyakov. L’ottavo ed il nono cartellino giallo se li aggiudicano Milinkovic e Rybus, mentre Lazzari subentra a Zaccagni per giocare gli ultimi minuti. All’87’ Pedro firma la terza rete ospite con un tiro dal limite, fissando il risultato definitivo. Sarri domina e vince a Mosca, conquista matematicamente gli spareggi e punta il primo posto del girone.

LOKOMOTIV MOSCA-LAZIO 0-3: STATISTICHE E TABELLINO

Precedente Lady Sensi sbotta: “Non la pensate come me sui vaccini e mi insultate? Vi denuncio” Successivo La Lazio si qualifica agli ottavi di Europa League se…

Lascia un commento