“Lo special… Ninth”, “Scelte folli”: rabbia social contro Mourinho

Dopo la sconfitta con il Milan e il nono posto i fan giallorossi si scatenano

Emanuele Zotti

15 gennaio 2024 (modifica alle 11:56) – MILANO

Dalla padella alla brace. Il ko subito dalla Roma a San Siro sembra aver inevitabilmente reso più profonda la spaccatura tra la squadra e una fetta sempre più importante della piazza. Sui social e sulle frequenze radiofoniche dedicate al club giallorosso infatti, già nei minuti immediatamente successivi alla fine della partita, è scattato un processo che ha visto coinvolto – forse per la prima volta – José Mourinho. 


Sul banco degli imputati sono finiti ovviamente anche società, dirigenza e calciatori ma, mai prima d’ora, lo Special One era finito nel mirino di tanti tifosi che sembrano stanchi del “non gioco” espresso in campo e dalle troppe giustificazioni e scusanti fornite tra conferenze stampa e post partita.

immunità finita

—  

“Ma siete davvero convinti che Fiorentina, Lazio, Bologna e Atalanta abbiano una rosa migliore della nostra per assolvere lo Special Ninth?” si domanda Alessio, che su X ribattezza lo Special One prendendo spunto dal nono posto in classifica occupato attualmente dalla Roma. Nel frattempo continua a rimanere in tendenza l’hashtag #MourinhoOut, accompagnato da commenti tutt’altro che teneri: “Mourinho ci ha rovinato più di Monchi” e ancora “Allo stadio volete ancora le bandiere e le pezze? Volete i cori? Solo la maglia sempre”.

Marco invece stila una lista degli errori commessi da Mou a San Siro: “La scarsa lucidità di Mourinho si può notare facilmente dalle ultime scelte folli: 1) El Shaarawy dal 1’ (e non Belotti) impedendo il mismatch con la sperimentale coppia di centrali del Milan. 2) Zalewski per Celik e il Milan “stranamente” torna a sfondare a sx”. Ma sono tanti anche quelli che si interrogano anche sulla scelta di schierare il secondo portiere Svilar al posto di Rui Patricio (il portoghese era invece stato mandato in campo nel derby di coppa). E in questo senso appare emblematica anche la contestazione sollevata dal settore ospiti a Milano, quando a fine partita oltre 4mila romanisti hanno chiesto alla squadra di tirare fuori gli attributi. 

presidenza nella bufera

—  

Nel mirino c’è anche il mercato fatto da Tiago Pinto, ma non per tutti. Qualcuno, come Ale77-Col, si erge a difesa del general manager che a fine mese lascerà Trigoria: “Come fa ad essere colpa di Pinto? Non gli hanno dato i soldi per chiudere Scamacca, gli hanno accollato tutti i giocatori peggiori e hanno detto che Dybala e Lukaku (prestito oneroso) sono merito dei Friedkin e Mou. Si sa di chi è la colpa”. Il riferimento è appunto al tecnico e alle scelte della proprietà. Ed è proprio con i Friedkin che se la prendono diversi tifosi che scelgono di sfogarsi in diretta radio: “Il club è il loro e i problemi devono risolverli loro” è il giudizio lapidario di Antonio, accompagnato da quello di Pierfrancesco: “Non si può aspettare sempre e solo un’indicazione della gente per prendere decisioni, un presidente agisce in base a ciò che ritiene giusto non in base all’umore dei tifosi!”. Un altro modo per mettere in discussione l’intoccabilità di Mourinho. In attesa dei prossimi risultati.

Precedente Thuram amuleto di Supercoppa: ha fatto già gol a tutte e tre le avversarie Successivo Le pagelle di Holm: è in decollo. Procura il rigore, il gol finale è la ciliegina sulla torta