Lo Monaco: “Napoli un gradino sopra le rivali: scudetto possibile”

NAPOLI – “Attualmente ci sono pretendenti allo scudetto leggermente sotto rispetto al livello del Napoli“: Pietro Lo Monaco, dirigente con tanti anni di calcio alle spalle, legge così la lotta per il titolo ai microfoni di Radio Marte. Per l’ex ds del Catania i partenopei sono favoriti d’obbligo: “Il Napoli ha un ruolino di marcia di tutto rispetto – sottolinea – se dovesse mantenere questo andazzo magari si potrebbe festeggiare qualcosa di importante. La squadra ha ampiamente dimostrato di avere le qualità per poterci stare fino alla fine, ha consistenza ma anche individualità importanti. A oggi sembrerebbe una lotta a tre ed è un bel contendere per il Napoli, anche perché gli avversari non sono gli storici rivali. Milan senza i titolari? Ogni squadra ha fatto a meno di giocatori importanti, non oso pensare a quanto succederà al Napoli con la Coppa d’Africa. Il campo ha espresso un verdetto insindacabile, con un Napoli ad alti livelli: non vedo perché dovrebbe mollare. Per ora il Napoli è la prima della classe, poi quanto verrà in seguito nessuno può predirlo. Sicuramente i partenopei affronteranno il resto del campionato con un organico capace di confrontarsi con ognuna delle squadre di vertice“.

Di Lorenzo replica a Simeone: pari, legni e rossi in Napoli-Verona

Guarda la gallery

Di Lorenzo replica a Simeone: pari, legni e rossi in Napoli-Verona

“Insigne come Mertens: sembrava dover partire, ma poi è rimasto”

Oltre alla lotta scudetto, la società azzurra è alle prese con un’altra questione: quella legata al rinnovo di Insigne. Sul tema mercato, Lo Monaco è certamente un esperto: “La situazione – è la sua analisi – è cristallizzata, il Napoli è felicissimo di averlo a determinate condizioni. Mi sembra che il giocatore voglia restare e mi sembra che ci sia solo da limare qualche dettaglio. Secondo me ci troviamo di fronte a un nuovo caso Mertens: sembrava dovesse andare via, alla fine è rimasto. Sono schermaglie che fanno parte del gioco. Si tratta solo di andare a verificare come mettere tutti d’accordo. Fare discorsi diversi significa solo rompere gli equilibri“.

Precedente Tapiro d’oro a Mourinho, ma il tecnico della Roma sorprende Staffelli Successivo Milan-Raiola, è guerra fredda: Romagnoli discute il rinnovo da solo, non gradito il suo agente

Lascia un commento