Lloris lascia la Francia: “È il momento di farsi da parte. Il mio erede c’è già: Maignan”

Sebbene nel modo più doloroso possibile, perdendo una finale mondiale ai rigori, Lloris lascia da recordman.

Lloris lascia la nazionale francese. L’estremo difensore lo ha annunciato, in una intervista rilasciata all’Equipe. Una scelta sofferta, maturata dopo la finale persa con l’Argentina ai calci di rigore e che spalanca la… porta della nazionale, nel senso più pieno del termine, al milanista Maignan.

BASTA

—  

Il portiere del Tottenham, dopo il Qatar, ritiene di aver dato tutto alla causa. “Arriva un momento in cui bisogna saper passare la mano. Si è sempre detto e ripetuto che la maglia della nazionale della Francia deve essere di tutti e di nessuno. E io non voglio sia mia a tutti i costi. Ho il dovere di custodire questo principio. E penso che dietro di me ci siano elementi in grado di garantire continuità di rendimento”. Deschamps era stato avvisato della decisione. “Ho pensato a lungo a questa scelta dopo il mondiale, ma se devo essere sincero era un qualcosa che avevo in mente da almeno sei mesi. Durante la permanenza in Qatar questa sensazione è diventata un pensiero che è cresciuto sino a trasformarsi in decisione. C’è un altro portiere, Maignan, che è già pronto a prendere il mio posto. Io ho bisogno di avere più tempo da dedicare alla famiglia e ai miei bambini. Sono stato il portiere della Francia per 14 anni e mezzo ed è tantissimo”.

RECORDMAN

—  

Sebbene nel modo più doloroso possibile, Lloris lascia da recordman. A un passo dall’essere l’unico calciatore della storia a sollevare due Coppe del Mondo consecutive da capitano della squadra, durante il mondiale in Qatar ha prima eguagliato e poi battuto il record di presenze di Lilian Thuram che si era fermato a 141. Lloris chiude a 145. Ha giocato quattro Mondiali e due finali di Coppa del Mondo (20 partite, nel 2010, 2014, 2018 e 2022) tre Europei (2012, 2016, 2021). Chiude con quattro finali giocate, due finali perse (2022 in Qatar e 2016 nell’Europeo giocato in casa) due trofei vinti (la Coppa del Mondo 2018 e la Nations League 2021), 120 gol subiti (0,82 gol a partita) e 63 clean sheet.

Precedente Zaffaroni: "Verona, prova da squadra matura, gara gestita fino alla fine" Successivo Addio Cuadrado, va in un’altra big. Il sostituto è già in Serie A

Lascia un commento