LIVE Alle 15 Milan-Inter: Theo-Hakimi, ecco la sfida tra velocisti

Alle 15 a San Siro va in scena il terzo derby stagionale. News, numeri e curiosità di una gara che vale il primato in classifica…

Ibra-Lukaku? Non solo. Perché il duello tra bomber che in Coppa Italia era stato (fin troppo?) acceso, non è l’unico ingrediente nel menu. Perché i temi del derby Milan-Inter che andrà in scena oggi alle 15 a San Siro sono molteplici. Intanto, è una gara che vale il primato in classifica. E poi ecco le altre sfide nelle sfida, quella sulla fascia tra i velocisti Theo Hernandez e Hakimi e il confronto tra numeri 1: il giovane Donnarumma contro il veterano Handanovic.

numeri e precedenti del derby

—  

Dopo 22 giornate sono 99 i punti conquistati (sommandoli) dalle due squadre (50 Inter, 49 Milan). Soltanto nel 1950-51 le due milanesi avevano fatto meglio (102). Per quanto riguarda i precedenti invece, questo sarà il 174esimo Derby di Milano in Serie A: i nerazzurri hanno ottenuto 66 successi (tra cui quattro nelle ultime cinque sfide), contro i 52 rossoneri, completano 55 pareggi. La precedente occasione in cui Milan e Inter si sono affrontati in Serie A trovandosi ai primi due posti in classifica è stata il 2 aprile 2011 (successo 3-0 per i rossoneri; stagione in cui vinsero il loro ultimo scudetto).

Milan, la probabile formazione

—  

Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Tonali, Kessie; Saelemakers, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic. Allenatore: Pioli.

Inter, la probabile formazione

—  

Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Eriksen, Perisic; Lukaku, Lautaro. Allenatore: Conte.

Dove vederla in tv

—  

Il derby sarà trasmesso in esclusiva e in diretta tv su DAZN1, canale numero 209 del decoder di Sky disponibile per chi ha aderito all’offerta Sky-DAZN. Il match sarà visibile a tutti gli abbonati alla piattaforma sui vari dispositivi abilitati, come smart TV, smartphone, tablet e notebook.

Precedente Napoli, Gattuso si affida a Rrahmani e Maksimovic. Il Mattino: "Tocca ancora a quei due" Successivo Da Thorpe a Rapinoe e Egonu: quanti coming out nello sport, non sempre facili

Lascia un commento