Lite tv Mourinho-Mauro: l’ex calciatore replica all’attacco dello Special One

Dopo le pesanti parole del tecnico della Roma nei confronti del commentatore di Mediaset, arriva la risposta: “Se ha bisogno di un nemico, non sono disponibile”

Era inevitabile e corretto che arrivasse la replica, è un diritto innegabile. Massimo Mauro, dopo l’attacco di Josè Mourinho di ieri ai microfoni di Mediaset al termine della partita con la Cremonese (l’ex giocatore non era in studio), non alza i toni, ma non rinnega quanto detto a Pressing dopo Roma-Napoli, e lo fa con grande calma e signorilità: “Non devo ripetere niente di quello che ho detto 10 giorni fa – dice nel post Juve-Salernitana dallo studio -. Lì c’è tutto il rispetto per giocatori, arbitri e pure per Mou. Se ha bisogno di un nemico, io non sono disponibile, se vuole parlare di calcio, lo faremo quando ci incontreremo. Lo ascolterei per un mese quando parla di calcio. E’ un grande comunicatore, non fa mai niente a caso, avrà avuto i suoi motivi. E’ il mio lavoro, i miei interlocutori sono l’azienda per cui lavoro e la mia coscienza”.

le parole

—  

Mou si era adirato per il commento di Mauro sul comportamento dei suoi giocatori contro i tricolori. “E’ un ex calciatore, non rispettare gente che mangia dallo stesso piatto dove ha mangiato lui, è una brutta cosa. C’è gente con profilo diverso, quando c’è qualcuno che ha messo il culo su una panchina o ha messo piede in campo, quelli capiscono e rispettano – aveva detto il tecnico della Roma -. Lui mi pare che ancora mangi in quel piatto, non penso lavori per la sua bella faccia ma prenda dei soldi”. Mauro si era così espresso: “Il comportamento dei giocatori è stato discutibile, è stata una partita difficilissima per l’arbitro, che  giustifico. Ho visto una partita piena di falli e risse, antisportiva e penso che se è stata una strategia precisa della squadra di Mourinho, è ancora più grave perché va contro lo spirito del calcio”.

Precedente Allegri: "Bravi a ribaltarla dopo il gol preso. Domenica a Salerno sarà complicata" Successivo Clamoroso a Roma: se ne va Tiago Pinto (da febbraio). E c'è già una possibile destinazione