L’Inter tra le vittime preferite di Milinkovic: ora la Lazio ha bisogno di lui

Il serbo ha segnato più gol (5) solo all’Atalanta. Quattro all’Inter: il Sergente si esalta spesso nelle gare importanti, e quella contro l’ex Inzaghi è sicuramente tra quelle più attese

Serve la sua firma. Come spesso è accaduto. La Lazio si prepara alla sfida contro l’Inter dell’ex Inzaghi con la consapevolezza che la partita dipenderà dal rendimento dei big. Specie a centrocampo, dove i biancocelesti hanno molta qualità, serve una grande prestazione. Serve un Milinkovic al massimo della forma. Il serbo torna dagli impegni in nazionale (ha giocato 90 minuti sia contro il Lussemburgo che contro l’Arzerbaigian, vincendo entrambe le gare) e si ritrova ad affrontare l’Inter, la seconda squadra alla quale ha segnato di più in carriera: 4 gol (all’Atalanta ne ha invece segnati 5).

LA SPERANZA

—  

Nelle gare importanti Milinkovic di solito si esalta. Lo dimostra il gol segnato poche settimane fa nel derby contro la Roma. Lo dimostrano i gol segnati all’Inter: quasi sempre decisivi per portare punti, tutti segnati negli ultimi 5 scontri diretti. Il primo lo ha realizzato a marzo del 2019, quando i biancocelesti si imposero per 1-0 a San Siro. Negli ultimi tre confronti diretti altri tre gol: bellissimo quello segnato a febbraio del 2020, nella gara vinta dalla Lazio per 2-1. Con quel successo la squadra di Inzaghi, prima della pandemia, si candidò seriamente al titolo, prima di crollare nelle ultime 12 partite del post lockdown. Nella passata stagione altri due gol: uno all’andata, quando con la sua rete la Lazio strappò il pareggio all’Olimpico (1-1), l’altro al ritorno, quando però fu l’Inter a vincere (3-1). Sta di fatto che contro i nerazzurri Milinkovic ha una striscia positiva aperta e per rilanciarsi dopo lo scivolone di Bologna serve che si confermi decisivo quando conta. Serve la sua firma. Serve un suo acuto.

Precedente D’Ambrosio ed Enza, sorrisi e complicità nel cuore di Milano: "Spensieratezza condivisa" Successivo Il dato europeo: nessuno tiene il clean sheet fuori casa. Ma l’Empoli…

Lascia un commento