Lewandowski spaventa il Bayern: “Sono sempre aperto a nuove esperienze”

Il centravanti polacco lascia la porta aperta per il futuro.

Lewandowski spaventa il Bayern. Il centravanti polacco, al netto dei record realizzati con la maglia dei bavaresi, non ha ancora firmato il prolungamento del suo contratto. Non c’è fretta, ma è sempre meglio prevenire certe situazioni che poi ritrovarsi a doverle affrontare. Se ne parlerà. Non adesso perché il recordman di segnature in una sola stagione di Bundesliga sta preparando la fase finale dell’Europeo, sperando di poter recitare da protagonista nel torneo continentale.

UOMO MERCATO – Difficile immaginare Lewandowski come uomo mercato, ma nelle ultime settimane si è dato forse troppo presto per scontata la sua permanenza al Bayern Monaco, club che deve comunque riaprire un ciclo. Rummenigge, prima di lasciare a Kahn, è stato chiaro. Lewa ha 32 anni ed è ancora uno degli attaccanti più forti in circolazione. Le offerte, di certo, non gli mancano. Resta da capire se voglia prenderle in considerazione. E in questo senso le sue dichiarazioni riprese da Canal + non fanno dormire sonni tranquilli alla dirigenza del Bayern.

APERTA – Il suo contratto scade nel 2023, quindi la situazione è tutto sommato gestibile. L’attaccante però lascia, per certi versi, porte apere al futuro. “Ho ancora la mente aperta. Mi sento bene al Bayern, Monaco è una città magnifica e gioco per un grande club.  Però sono sempre stato curioso di imparare una nuova lingua, una nuova cultura. Ma non so se sarà così. sia nel calcio o dopo la mia carriera, nemmeno io lo so”.

RECORDMAN – Nel dubbio, penserà a nuovi record da raggiungere. “Non sono ossessionato dai numeri e dai gol, ma quando affronto nuove sfide, cerco di fare ciò che nessuno ha mai fatto prima, è una molla che mi spinge ad andare avanti. Credo che se ci si impegna in qualcosa che sia ama, si possano raggiungere obiettivi che sembravano impossibili. Ad essere onesti, pensavo che nessun giocatore potesse avvicinarsi a quel record. Soprattutto perché non ho giocato diverse partite, mi sono infortunato per una parte della stagione . E in realtà, non mi rendo conto della portata dell’impresa che ho realizzato”. Purché, si augurano i tifosi del Bayern, non sia l’ultima.

Precedente Egan Bernal, ritratto di un campione, grande già a 24 anni, preparazione meticolosa nella camera del vento Successivo Bennacer, che scalata fino alla vetta Champions col Milan. Grazie al no di papà

Lascia un commento