L’eredità di Chiellini: “Forse ho tarpato le ali a qualcuno, ora potranno maturare”

Il capitano bianconero dopo l’ultima partita allo Stadium: “I ragazzi dopo essere stati guidati e un po’ coccolati hanno bisogno di prendersi le loro responsabilità: in parte li ho aiutati e in parte ho tarpato le ali di qualcuno. Gli Usa? L’estero mi attrae da anni, sarei pronto alla mia nuova vita solo dando uno sguardo al di fuori dalla mia vita abituale”

“La mia vera partita l’ho fatta mercoledì scorso, l’ultima vera la voglio fare in Nazionale, tutto questo che è successo in mezzo è festa”. Per celebrare l’ultima notte all’Allianz Stadium di Giorgio Chiellini sono arrivati i compagni di una vita e di tante vittorie, da Barzagli a Buffon, da Pjanic a Marchisio. Anche se il punto interrogativo sulla possibilità di un futuro negli Stati Uniti resta: “Onestamente non lo so, devo confrontarmi in casa: un’esperienza all’estero è qualcosa che mi attrae, da dieci anni come sa chi mi segue, perché arricchisce a prescindere dalle performance, proprio a livello culturale – ha detto a Dazn -. Penso che per il futuro uno sguardo al di fuori della mia vita abituale, cioè la Juventus che conosco benissimo, devo darlo, altrimenti non penso che sarei pronto per la mia nuova vita”.

Alto livello

—  

Chiellini ha già parlato a lungo in questi giorni del suo addio alla Juventus ma la commozione continua a essere naturale: “La lunga storia che mi ha portato fino a qua mi rende felice e orgoglioso. Lascio con gioia e serenità perché è una decisione maturata in mesi e non in giorni. Ho sempre detto che avrei voluto lasciare a livello alto e ci sono riuscito. È stata sicuramente un’annata difficile per tutto la Juve ma in cui ho dimostrato che quando sono riuscito a preparare le partite poi sono riuscito a giocarle al mio livello. Ora la Juventus ha bisogno di ripartire e anche i ragazzi dopo essere stati guidati e un po’ coccolati hanno bisogno di prendersi le loro responsabilità e di maturare: in parte li ho aiutati e in parte ho tarpato le ali di qualcuno. Ora farò il tifo per loro e cercherò di stare vicino, da vicino o da lontano a seconda di quale sarà la mia decisione”. Il mancato viaggio in Qatar in azzurro ha cambiato i programmi: “È chiaro che ha accelerato tutto, l’idea mia sarebbe stata di arrivare al Mondiale, era un pallino che mi era venuto dopo l’Europeo vinto. Naturalmente lasciando spazio anche agli altri perché non riesco a giocare le partite ravvicinate che vorrei. Ma lascio anche la Nazionale con un gruppo di ragazzi giovani e forti, il futuro è in buone mani. Bastoni è un difensore fortissimo ma sarà ricordato nella storia non come il nuovo Chiellini ma come Alessandro Bastoni”.

Precedente Allegri guarda già al futuro: "Juve, ora bisogna riabituarsi a vincere" Successivo Mourad Lamrabatte si tuffa da scogliera e si sfracella su rocce/ Ex calciatore morto