Lecce, Trinchera: “Napoli su Hjulmand? Non sarei sorpreso”

LECCE“La vittoria della Serie B è una grande impresa. Vincere in casa nostra ha un sapore speciale. C’erano tanti club che avevano i favori del pronostico, hanno fatto investimenti importanti ma ce l’abbiamo fatta. Ha vinto chi ha speso di meno. Quando parlo di favori del pronostico è in base a chi aveva fatto dei proclami a inizio stagione e ha investito tanto ad inizio stagione”. Lo ha dichiarato Stefano Trinchera, direttore sportivo del Lecce neopromoss in Serie A, ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Da noi c’è stata una sorta di rivoluzione, sono arrivati giovani, un allenatore molto bravo. Tutto è sembrato più semplice perché c’era Corvino, un maestro, un valore aggiunto che ha costruito il progetto alla grande. Coda? Avrà i suoi difetti, ma un giocatore con la sua tecnica, che sa legare il gioco, che manda i compagni in porta e finalizza alla prima occasione non l’ho mai visto. A volte mi chiedo come mai questo ragazzo non sia arrivato ad altissimi livelli. Ce lo godiamo, ha un contratto con noi e ce lo teniamo stretto. Non si può non riconfermare, ha un contratto con noi”.

Lecce in Serie A, Baroni: "Avevo fatto una promessa"

Guarda il video

Lecce in Serie A, Baroni: “Avevo fatto una promessa”

Hjulmand piace al Napoli? Non ne sarei sorpreso

“Negli anni scorsi ho sempre avuto un rapporto di collaborazione con il Napoli, una corsia preferenziale. Giuntoli è molto legato a Corvino. Ho un rapporto speciale anche con Pompilio, straordinario e competente. Loro formano un’accoppiata vincente. Mercato? Dobbiamo fare le cose non in economia ma prendere giovani poco conosciuti da valorizzare. Questo il nostro obiettivo. Lucioni è stato il giocatore più costante della squadra. Senza togliere meriti agli altri, Lucioni è stato il nostro vero leader. Mio compagno di squadra alla Ternana, ha trasmesso valori ai giovani, il punto di riferimento di una squadra che mai si è tirata indietro. Dobbiamo fare calcio andando a pescare dove le altre non riescono. Hjulmand farà la differenza anche in Serie A. Il paradosso è che se ne parla troppo poco di un giocatore così di talento. Ci vuole più disponibilità ad andare nei campi a vedere le partite. È un classe ’99, ha 22 anni ed è destinato a fare una grande carriera. Non me ne vogliano i Tonali o giovani di questo livello, ma lui merita palcoscenici del genere, non ha nulla da invidiare. Hjulmand al Napoli? Non so se lo vuole Giuntoli, ma conoscendo la sua abilità non ne sarei sorpreso”, ha concluso.

Lecce, festa giallorossa per il ritorno in Serie A

Guarda il video

Lecce, festa giallorossa per il ritorno in Serie A

Precedente Roma show: 8-0 alla Samp e storica qualificazione in Champions League Successivo Giacchetta: "Gaetano al Napoli? Giusto che resti alla Cremonese"

Lascia un commento