Lecce-Juve, Dazn o Sky Sport? Dove vederla in tv e in streaming

Allegri cerca il sorpasso sull’Inter in testa alla classifica. Calcio d’inizio al Via del Mare alle 20.45, dirige Doveri di Roma

21 gennaio – 09:03 – MILANO

La seconda giornata di ritorno di Serie A si chiude con la sfida della domenica sera alle 20.45 tra Lecce e Juventus, allo stadio Via del Mare del capoluogo salentino: la partita sarà diretta dall’arbitro Daniele Doveri, della sezione di Roma 1. I due assistenti saranno Berti e Ricci e il quarto ufficiale sarà Perenzoni. Al Var Valeri, con assistente Abisso.

come ci arriva il lecce

—  

La squadra di D’Aversa non vince da più di un mese, dal 2-1 casalingo contro il Frosinone del 16 dicembre, l’unica vittoria leccese nelle ultime 15 partite. Da allora ha fatto un punto nelle ultime quattro partite, il pari interno col Cagliari, mentre ha perso in casa di Inter, Atalanta e Lazio. In casa i salentini vengono da quattro risultati utili consecutivi, l’ultima sconfitta a domicilio è di quasi tre mesi fa, 0-1 con il Torino il 28 ottobre scorso. 

come ci arriva la juve

—  

La squadra di Allegri viene da quattro vittorie consecutive in campionato e undici nelle ultime tredici partite. Ha vinto le ultime due partite fuori casa a Salerno e Frosinone, ma nella trasferta precedente con il Genoa è arrivata l’ultima partita fuori casa senza vincere (1-1). I bianconeri sono a -2 dall’Inter capolista, che però per la disputa della Supercoppa ha rinviato la partita di questa giornata: con una vittoria la Juventus dunque la supererebbe in vetta. 

dove vederla

—  

Lecce-Juventus sarà trasmessa in diretta esclusiva da Dazn. Telecronaca di Edoardo Testoni, commento tecnico di Massimo Ambrosini. In streaming la partita si può seguire sull’app e sul sito di Dazn, mentre su Sky il match verrà trasmesso per gli abbonati sul canale Zona Dazn. Diretta testuale su www.gazzetta.it.

Precedente Il sasso a Salerno e i cori razzisti contro Maignan a Udine: il weekend di ordinaria follia del calcio italiano Successivo Da Zoro a Vlahovic, la galleria della vergogna: tutti i precedenti razzisti nei nostri stadi