Le due vite di Ivan Zamorano: bidone al Bologna, idolo all’Inter con l’1+8 sulle spalle

La carriera del cileno decolla nel 1990 quando, dopo l’esperienza in Svizzera, al San Gallo, firma col Real Madrid, dove diventerà “El Terible”, idolo del Bernabeu. Nel 1996 il passaggio all’Inter di Ronaldo il Fenomeno, con cui vincerà una Coppa Uefa

1988: Zamorano è un bidone, il Bologna lo testa e lo boccia, non è pronto per la Serie A, al suo posto viene scelto il connazionale Hugo Rubio, Rubio chi? 1996: Zamorano è un campione, l’Inter sborsa al Real Madrid 4 miliardi di lire, batte la concorrenza di Juventus e Bayern Monaco e porta a Milano un centravanti – Ivan El Terible – che al Bernabeu è diventato un idolo. Otto anni per la mutazione? Anche no. La storia non è così semplice. E allora è meglio partire dall’inizio.

Precedente Napoli, tifoso prende di mira Osimhen che risponde a tono: scintille su Twitter Successivo Inter, rivelata la maglia per il 2022/23: ritorno al classico

Lascia un commento