Lazio, Tudor ora aspetta i rientri in difesa

La gestione, in questi casi, sa di preoccupazione. Anche Patric a riposo, per lui niente campo mentre i compagni svolgevano la seconda seduta settimanale. Romagnoli l’ultimo dei Mohicani: nell’allenamento di ieri era l’unico centrale regolarmente in gruppo. I dubbi maggiori riguardano Casale, per Patric non si sono accesi allarmi, ma l’attenzione rimane massima con un reparto decimato dai problemi fisici. Gila è fermo dalla semifinale di ritorno in Coppa Italia con la Juventus, sta meglio e ha ripreso a correre in modo differenziato. L’obiettivo del protocollo riabilitativo rimane comunque il rientro a San Siro con l’Inter. Prima c’è l’Empoli con tutti i timori e i ballottaggi che accompagnano la preparazione. Le scelte in difesa e a centrocampo sono condizionate dalla disponibilità o meno di Casale, gestito per fastidi pregressi e per acciacchi post-Monza.

Lazio, la situazione in difesa

Sabato scorso l’ex Verona ha deluso in corsa, dovesse recuperare in tempo partirebbe lo stesso in vantaggio rispetto alla candidatura di Hysaj e Marusic, i due esterni da poter arretrare nella linea a tre. Tudor spera nel ritorno immediato di Patric (può riaggregarsi tra oggi e domani) e in una risposta positiva da Casale entro la rifinitura. Il tecnico croato, senza altri forfait, avrebbe libertà di manovra per scegliere gli interpreti sulle fasce del 3-4-2-1. Le prove tattiche aiuteranno a capire le intenzioni per domenica: Marusic a destra e Zaccagni a sinistra favoriti in caso di defezioni scongiurate nel reparto arretrato. Ieri, viste le tante assenze, sono stati aggiunti alla rosa i Primavera Renzetti, Dutu, Milani, Coulibaly e Gonzalez. 

Le scelte

Occhi aperti nelle prossime tre sgambate, non si escludono mosse a sorpresa e un rimescolamento delle carte. È un punto interrogativo pure la maglia tra i pali: Provedel è tornato tra i convocati dopo il lungo stop per la distorsione alla caviglia, Mandas potrebbe resistere almeno per un’altra gara. Le valutazioni sono in corso. A centrocampo spinge Vecino dopo il gol realizzato a Monza, restano in vantaggio Kamada e Guendouzi, titolari con il Verona e all’U-Power Stadium. Cataldi e Rovella sono in ritardo nelle gerarchie. Davanti Felipe Anderson e Luis Alberto alle spalle di Immobile o Castellanos. Tudor ha imparato a spiazzare, più che confermare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Capello demolisce Tuchel in diretta tv: “Non può commettere un errore come questo” Successivo Rudiger, bacio al Var: la strana esultanza dopo Real-Bayern è virale

Lascia un commento